Nuova tempesta sull'onorevole Giulia Sarti (M5S): pubblicati documenti riservati

La parlamentare grillina addebita la divulgazione delle carte al suo ex compagno già finito nell'occhio del ciclone per i finti versamenti dei rimborsi

A denunciare l'accaduto è il quotidiano "Il Foglio" che, nell'edizione del 20 giugno, punta il dito contro l'onorevole riminese Giulia Sarti, rieletta tra le file del Movimento 5 Stelle, per la pubblicazione di alcuni documenti riservati della "Commissione anti-mafia" di cui fa parte. Oltre alla parlamentare, nell'occhio del ciclone è finito anche il suo ex compagno, quell'Andrea De Girolamo al secolo Bogdan Tibusche già apparso nella questione dei falsi versamenti dei rimborsi versati dalla Sarti al Fondo per il Microcredito gestito dai pentastellati. Secondo "Il Foglio", ad essere divulgati nell’agosto del 2017 sono stati due documenti “riservati” prelevati dalla pentastellata dall’archivio di Montecitorio. Si tratterebbe della “Relazione sulla provincia di Imperia” della locale Prefettura, datata luglio 2014 e di una informativa della stessa Prefettura, inviata il 3 maggio 2016 al presidente della commissione Antimafia e, per conoscenza, al ministro dell’Interno, sulla “situazione della criminalità organizzata” e di “eventuali tentativi di infiltrazione nel tessuto amministrativo in vista della tornata elettorale del 5 giugno 2016” nel comune di Diano Marina. 

La parlamentare riminese, intervistata dal quotidiano, ha spiegato che “Li tenevo sotto chiave. Non posso essere responsabile per quello che faceva una persona che conviveva con me e di cui purtroppo mi fidavo”. Il nome implicito è quello di Bogdan Tibusche, esperto informatico di origini albanesi ma salernitano d’adozione, che si fa chiamare da tutti Andrea De Girolamo e che della Sarti è stato fidanzato per quasi quattro anni, prima che lei lo denunciasse, nel febbraio scorso, per averle sottratto 23 mila euro: un ammanco che costò alla deputata una momentanea espulsione dal M5S, dacché erano soldi che avrebbe dovuto restituire come rimborsi. La Sarti, contattata da "Il Foglio", ha tenuto a specificare che Tibusche non era un suo collaboratore: “Era solo il mio fidanzato, e mi ha rovinato la vita. Io non ho fatto alcuna violazione: nel rischio di reato, per la divulgazione di quei documenti, incorrerebbero semmai i giornalisti che decidessero di pubblicarli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

  • Tenta il gesto estremo sui binari del treno, salvata appena in tempo dai carabinieri

  • Il programma Melaverde fa tappa in Romagna tra ristoranti e tour in collina

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

Torna su
RiminiToday è in caricamento