Il Comune non espone la bandiera europea, il Pd: "Assecondate le sollecitazioni di Salvini?"

I dem di San Leo su tutte le furie: "Una svista? L'esposizione dei due vessilli non è un opzional legato agli umori di qualcuno, ma è regolata da precise disposizioni di legge"

Il 31 marzo scorso, alle ore 12.00, anche il Comune di San Leo ha osservato un minuto di silenzio ed ha esposto la bandiera a  mezz’asta in ricordo di tutte le vittime del Covit19 e in onore di tutti gli operatori sanitari e le persone che stanno combattendo per questa emergenza. "Nell’occasione - fa notare il Pd della città leonina - al Municipio di San Leo non abbiamo visto esposta la bandiera dell’Unione Europea, come tuttora. Una svista? Anche se riprovevole può accadere. Oppure più colpevolmente anche in questa occasione si è pensato bene di assecondare le sollecitazioni del buon Salvini che, non perdendo occasione per fare polemica, chiedeva di sabotare la bandiera dell’Europa!? Ci piacerebbe saperlo. In ogni caso se così fosse sarebbe molto grave presentando anche profili di illegittimità. Vale la pena ricordare ad amministratori e funzionari responsabili che l’esposizione della bandiera (italiana ed europea) non è un opzional legato agli umori di qualcuno, ma è regolata da precise disposizioni di legge".

"Se qualcuno fosse animato da spirito antieuropeo - concludono i dem - sarebbero affari suoi, ma non si possono mai strumentalizzare le Istituzioni, ed è bene allora ricordargli che, al di là delle chiacchiere,  gran parte dei finanziamenti a supporto degli investimenti attuali, in corso e di quelli già realizzati a San Leo negli due/tre decenni trovano origine nei fondi europei. Essi , come è noto, vanno a moltiplicare quelli nazionali e regionali e costituiscono le principali risorse disponibili per lo sviluppo dei nostri territori. Come Partito Democratico siamo stati i primi a denunciare ritardi e timidezze da parte dell’UE, ma la soluzione non è ammainare una bandiera che manifesta il sogno di nazioni che hanno deciso di unirsi per la pace e per la prosperità dei popoli dopo le macerie della Seconda Guerra mondiale. Al contrario: riusciremo ad affrontare questa crisi solo contribuendo al rafforzamento delle funzioni dell’Unione e alla definizione di un grande piano economico e sociale, come sta opportunamente avvenendo, ispirato ai principi della solidarietà europea tra popoli",

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Contributi a fondo perduto per migliorare e modernizzare negozi, bar e ristoranti

  • Covid-19, altri 19 guariti. Cinque nuovi contagiati: i positivi totali sono 163

Torna su
RiminiToday è in caricamento