Politica

Il Pd all'attacco degli eventi sportivi di Riccione: "Organizzati male: solo caos e pochi riscontri di turisti"

Nel mirino del Partito Democratico anche il bilancio della Ride Week che per gli eventi ha ricevuto un finanziamento da parte delle casse comunali di 150mila euro

Gli eventi sportivi di Riccione nel mirino del Pd della Perla Verde che punta il dito contro la loro disorganizzazione e, allo stesso tempo, sui finanziamenti ricevuti dall'amministrazione comunale. "Gli eventi sportivi della città - spiegano i Dem in una nota stampa - rappresentano ormai da decenni una caratteristica di fondamentale importanza nel settore turistico ricettivo. Da più di 10 anni è stato deciso di puntare come settore strategico agli  appuntamenti   riguardati il turismo sportivo, eventi che intelligentemente mirano a destagionalizzare, ed allungare la stagione turistica rispetto a quella classica balneare. Tutto ciò lo si è potuto fare grazie ad una impiantistica sportiva all’avanguardia e a rapporti preziosi che in passato le amministrazioni comunali hanno costruito con le varie federazioni sportive. La rete ricettiva ha saputo cogliere queste opportunità e col tempo siamo diventati una città leader, mèta per l’organizzazione di eventi sportivi di ogni livello".

Dopo la premessa, tuttavia, il Pd della Perla Verde attacca la disorganizzazione di alcuni appuntamenti ricordando come occorra "sul piatto della bilancia sia i costi di organizzazione, che quelli di promozione ed eventuali disagi che possono emergere durante gli eventi, particolare attenzione va posta a quelli che si svolgono in città e non in uno specifico impianto". Il primo a finire sul banco degli imputati è il Triathlon Challenge colpevole di una "cattiva gestione della viabilità che ha causato notevoli disagi a turisti e cittadini oltre alle attività economiche, in un periodo dove avremmo necessità di accogliere con la massima disponibilità i turisti, Riccione viene sistematicamente sbarrata e transennata". Anche la Riccione Ride Week non è esente da colpe in quanto "ancora una volta va a bloccare la parte turistica della città in un ponte importante dal punto di vista turistico, con disagi per le persone in vacanza che arrivano e devono recarsi in hotel, per quelle che devono recarsi in spiaggia, per bagnini e ristoratori quindi e anche per i riccionesi stessi. L'unica gara che ha avuto un minimo di partecipazione,  perlopiù locale, è stata la Granfondo.Si tratta comunque di una manifestazione storica del nostro calendario ciclistico, ex Granfondo degli Agolanti, con partenza  dal castello o dalle Terme per cui, negli anni precedenti all'attuale amministrazione, il Comune contribuiva con un massimo di 1000-2000€".

"Gli eventi  della ‘Riccione Ride Week’ - proseguono i Dem - hanno avuto una rilevanza marginale dal punto di vista di presenze negli hotel, di indotto economico e men che meno di rilievo sui mass media che possa promuovere la città. Evento nel quale si sono investiti 150mila euro, non pochi per i tempi che corrono. Solitamente nelle manifestazioni in cui si elargisce un contributo pubblico, l'organizzatore ha l'obbligo di presentarti il bilancio della manifestazione, comprese copia di alcune fatture e l'ufficio elargisce il finanziamento . In questo invece caso si accetta la fattura per cui si omettono i vari fornitori. Se alla Polcom, che riceve un congruo contributo, viene giustamente chiesto il bilancio certificato, perché a fronte di oltre 100.000 € di contributo pubblico alla EuroBike non si chiede neanche il bilancio della manifestazione? Occorrerebbe avere più lungimiranza nella programmazione degli eventi che hanno un impatto esterno agli impianti sportivi come lo stadio e la piscina, cercando di intensificarne la calendarizzazione fino al mese di maggio e dai primi di settembre in avanti, occupando spazi di territorio non a ridosso della parte turistica onde evitare disagi che il più delle volte sono superiori ai benefici".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pd all'attacco degli eventi sportivi di Riccione: "Organizzati male: solo caos e pochi riscontri di turisti"

RiminiToday è in caricamento