Il Pd denuncia: "Dopo il concerto di Ozuna gravi danni alla pista di atletica"

Alessandro Casadei: "Ancora una volta Riccione pagherà i danni di una irragionevole tendenza a lasciare che le cose peggiori accadano"

E' furibondo il Pd di Riccione che, in una nota stampa, denuncia i gravi danni riportati in particolar modo dalla pista di atletica dello stadio comunale dopo il concerto di Ozuna. "Danni e incompetenza" sintetizza Alessandro Casadei nel fare l'elenco di quello che è rimasto al "Nicoletti" dopo l'evento che ha richiamato migliaia di persone. "Una grande occasione per la città che si tramuta in incubo per lo sport - spiega il dem. - La pista di atletica è danneggiata in modo definitivo e non saranno né efficaci né sostenibili rattoppi a caldo di alcun genere. Così come non sarà sufficiente chiedere il risarcimento danni alla compagnia assicurativa della società che ha organizzato l’evento. Sia i tempi di gestione della pratica, che l’eventuale indennizzo saranno inconciliabili con la necessità di riparare immediatamente e definitivamente il manto della pista. Che rischia di vedere compromesso il suo utilizzo per manifestazioni e gare. Ho fatto l’assessore allo sport per lunghi anni in questa città. Lo stadio ha ospitato il concerto di Jovanotti nel 2011; senza alcun danno all’impianto. Non ci voleva un genio per pretendere dall’organizzazione che la pista fosse protetta. E non serviva un genio neppure per imporre un controllo capillare e militaresco da parte dell’amministrazione, nelle fasi di preparazione delle strutture e nella predisposizione dell’area adibita a concerto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sarebbe interessante - prosegue Casadei - che il comune potesse escutere una eventuale fidejussione a copertura dei danni irreparabili. Sarebbe, ma non sarà. E ancora una volta Riccione pagherà i danni di una irragionevole tendenza a lasciare che le cose peggiori accadano. Come l’assenza di barriere di sicurezza in viale Ceccarini; come gli orribili e scoloriti bolli colorarti che rendono le pavimentazioni della nostra città una carnevalata incancellabile ma scolorita. Lo sport a Riccione ha da sempre avuto la priorità nella cura e negli investimenti. Le associazioni sportive hanno da sempre goduto del supporto degli amministratori. Oggi, il mondo sportivo riccionese, è costretto a fare i conti con “zero” investimenti e con un’amministrazione che preferisce i selfie all’agibilità dei propri impianti. Caldari si assuma le sue responsabilità e se ne è capace restituisca allo stadio Nicoletti la pista di atletica senza danni per lo sport e per le tasche dei cittadini".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento