menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Pd di Riccione: "L'autotassazione di Tosi e Raffaelli rappresenta il fallimento dell'amministrazione"

La segreteria comunale dei dem interviene dopo che sindaco e assessore si erano fatte carico della spesa per allestire il mercato ambulante secondo le regole anti-covid

Secco intervento della segreteria comunale del Partito Democratico di Riccione che, in una nota stampa, interviene dopo che sindaco e assessore si erano fatte carico della spesa per allestire il mercato ambulante secondo le regole anti-covid. "E’ con vivo stupore - si legge nel comunicato - che abbiamo preso la notizia relativa all’autotassazione del duo Sindaco-Assessore (Tosi-Raffaelli) per far fronte ai costi della sicurezza al fine di garantire lo svolgimento del mercato settimanale di venerdì 27 novembre a Riccione. Si tratta di 16 steward individuati dalle associazioni di categoria che avranno il compito di vigilare sugli accessi interdetti all’area del mercato. Ci sentiamo di affermare, senza ombra di dubbio, che il gesto delle due amministratrici riccionesi rappresenta la cifra del fallimento di una amministrazione comunale che, presa dalla disperazione dovuta all'incapacità di risolvere un problema di livello ordinario, ricorre all'elargizione caritatevole. Siamo al celeberrimo "Sua Maestà, il popolo ha fame"… "Se non c’è più il pane dategli le brioches!", di proverbiale memoria".

"Noi crediamo - prosegue la segreteria dem - che gli operatori ambulanti non abbiano bisogno dell'elemosina di un venerdì, ma di una amministrazione capace di dare soluzioni a medio termine replicabili fino a quando l’emergenza sanitaria lo richiederà. E’ probabile che dovremo fare i conti con il virus ancora per mesi, non sappiamo fino a quando le misure di contrasto adottate in questo momento resteranno in vigore. Non è comunque difficile pensare che per attività come i mercati alcuni accorgimenti relativi alla sicurezza si dovranno mantenere per diverso tempo. Da qui la domanda che sorge spontanea: per i prossimi venerdì quale soluzione si adotterà? Si autotasseranno due assessori per volta fino ad arrivare ai consiglieri comunali e ai presidenti delle società partecipate? Siamo ad un punto di demagogia populista bassissimo, che strizza l’occhio al consenso e che invece rappresenta a nostro avviso solo l’incapacità di dare risposta ai problemi reali della gente. Siamo giunti senza dubbio al livello più basso mai raggiunto prima dalla politica amministrativa della nostra città. Se è vero che, come si evince dal comunicato dell’amministrazione comunale, la spesa per la vigilanza ammonta a 840 euro, non è difficile pensare che li si possa ricavare dal budget per le spese natalizie che, come abbiamo già avuto modo di rilevare, è a nostro avviso eccessivo". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Utenze

Rettifica bollette luce e gas: quando e come ottenerla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento