Imu agricola, 156 emendamenti in Senato. Arlotti scrive al ministro Martina

Il deputato Pd riminese Tiziano Arlotti, insieme a numerosi colleghi, ha scritto al ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina per chiedere di rivedere l’imposizione per le zone svantaggiate

Sono 156 gli emendamenti e 5 gli ordini del giorno presentati dai gruppi  parlamentari sulla questione Imu agricola in commissione Finanze al Senato. Intanto il deputato Pd riminese Tiziano Arlotti, insieme a numerosi colleghi, ha scritto al ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina per chiedere di rivedere l’imposizione per le zone svantaggiate. “Sosteniamo il lavoro e gli obiettivi che i colleghi della Commissione finanze del Senato stanno portando avanti, che vanno nella direzione di quanto richiesto nella lettera presentata al ministro – commenta Arlotti -. Auspichiamo che gli emendamenti vengano accolti e che, nell’ottica di contribuire al lavoro intrapreso, quanto prima sia possibile avere un incontro con il ministro”.

"Il Consiglio dei Ministri del 23 gennaio è giunto alla attesa soluzione relativa alla Imu sui terreni agricoli, abbandonando il solo criterio altìmetrico del centro comunale che tanto malcontento aveva generato in tutto il mondo agricolo, in particolare della montagna, poiché l'altitudine cui è collocata la casa comunale non può essere considerato un criterio rappresentativo della effettiva situazione altimetrica dell'intero territorio comunale - esordisce Arlotti -. In conseguenza di ciò si è deciso, relativamente alla applicazione della IMU agricola, di fare riferimento all'elenco di Comuni stilato dall'Istat ai sensi della Legge 991/52 "Provvedimenti in favore dei tenitori montani" che individua i Comuni montani, nei quali viene prevista l'esenzione per tutti i terreni agricoli, e quelli parzialmente montani, nei quali viene prevista l'esenzione solo per i coltivatori diretti e gli imprenditori montani agricoli a titolo principale. Riteniamo quello fatto, un notevole passo avanti poiché si passa dai 1.400 Comuni esentati dal pagamento della imposta applicando il criterio per fasce altimetriche, agli attuali 3.456. Tuttavia se un ottimo risultato è stato raggiunto per la montagna, non si può dire lo stesso per tanti territori collinari, già a suo tempo esentati dal pagamento della ex ICI ed elencati nella Circolare del 14 giugno 1993 n. 9 - Ministero delle Finanze".

Continua l'esponente democratico: "Tale elenco, che definiva le aree totalmente svantaggiate e quelle parzialmente svantaggiate, è stato ripreso da ultimo dal Reg. CE 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo rurale Fesar che predisponeva apposite Misure per il sostegno delle suddette aree caratterizzate da svantaggio derivante da situazioni ambientali e pedoclimatiche penalizzanti ma anche da condizioni insediative, socio-economiche e strutturali in declino. In tali aree, che nelle precedenti programmazioni comunitarie hanno beneficiato degli aiuti compensativi previsti dalle specifiche Misure attivate nelle varie Regioni, l'agricoltura svolge azioni importantissime non limitate alla realizzandone di produzioni tipiche, biologiche e di qualità. Il ruolo assunto in questi territori dall'attività primaria è anche quello di conservazione del paesaggio, di gestione dei territori e di prevenzione del dissesto idrogeologico oltreché quello di mantenere vivi gli insediamenti anche laddove le caratteristiche strutturali, la offerta di servizi, la infrastrutturazione - dalle reti viarie al completamento delle filiere - nonché gli indici socio economici denunciano un decadimento delle comunità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conclude il deputato riminese: "Riteniamo che i criteri ad oggi adottati per definire l'elenco dei territori assoggettabili ad IMU non tengano conto di tutto quanto sopra riportato e penalizzino i territori ricadenti nelle ormai ex zone svantaggiate o parzialmente svantaggiate. Le chiediamo pertanto, cosi come richiesto anche nelle interrogazioni e nella risoluzione presentate dagli scriventi, di rivedere i criteri che definiscono le aree esentate dal pagamento della IMU sui terreni agricoli al fine di pervenire ad una più equa imposizione fiscale che permetta di esentare le aree, non solo quelle montane individuate dall'elenco Istat redatto ai sensi della L. 991/52, in cui l'attività agricola rappresenta un comparto ancora in difficoltà, sebbene fondamentale per la tenuta sociale, economica e idrogeologica di intere aree del nostro Paese. Riteniamo utile un confronto dei suddetti territori con il Ministero da Lei presieduto nelle forme e nei modi che riterrà più opportune".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento