menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Imu, l'assessore Varo: "Far quadrare i conti non è facile"

Il Sindaco Massimo Pironi e l’Assessore al bilancio Ilia Varo hanno incontrato mercoledì pomeriggio in Municipio i rappresentanti delle associazioni economiche cittadine

Il Sindaco Massimo Pironi e l’Assessore al bilancio Ilia Varo hanno incontrato mercoledì pomeriggio in Municipio i rappresentanti delle associazioni economiche cittadine. Oggetto dell’incontro le aliquote di applicazione dell’IMU, Imposta Municipale Propria, e relative detrazioni e agevolazioni per l’anno 2012. Le aliquote IMU dovranno essere sottoposte all’approvazione del Consiglio comunale, contestualmente all’approvazione del Bilancio d’Esercizio per l’anno 2012.

“L’IMU, istituita dalla Manovra Monti – è il commento dell’Assessore al bilancio Ilia Varo - sembra un’imposta dell’Ente locale. In realtà è una patrimoniale vera e propria e, a differenza della vecchia ICI, gran parte del gettito il Comune dovrà versarla allo Stato. I nostri uffici hanno calcolato, sulla base delle vecchie ICI, che il comune di Riccione verserà allo Stato circa 9 milioni e 88mila euro. Le nostre tariffe IMU sembrano poter essere le più basse della provincia. Abbiamo indicato un’aliquota ordinaria del 10,6 per mille sulle seconde case a disposizione, sugli alberghi, le banche e gli uffici. Abbiamo garantito la salvaguardia del comparto produttivo e commerciale e artigianale, prevedendo l’aliquota del 7,6 per mille".

"Il riconoscimento della funzione sociale della locazione, per cui verrà applicato il 7,6 per gli affitti a canone concordato e l’8,6 per mille sulle locazioni per abitazione principale - continua Varo -. Abbiamo, infine, riconosciuto il valore del comodato gratuito della casa tra i genitori e figli e viceversa. In sostanza, abbiamo tenuto conto sia delle difficoltà delle imprese che di quelle delle famiglie, con l’intendimento di non arretrare di un passo sui servizi alla persona, i servizi educativi e scolastici, l’attenzione alle fasce più deboli della cittadinanza. L’altro punto che abbiamo mantenuto fermo è l’attenzione per la città, la manutenzione delle strade, il decoro urbano. Vorrei dire che questi non sono risultati scontati. Far quadrare i conti, vorrei che i nostri cittadini lo sapessero, non è stato facile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Ecco i 3 momenti della vita in cui si ingrassa di più

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento