Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica

Intervista a Mirco Ottaviani: "Sosteniamo la famiglia e diciamo no al Summer pride di luglio"

Il candidato sindaco di Forza Nuova: "Vanno chiusi il campo nomadi, la moschea e i centri sociali. Precedenza agli italiani per le case popolari, le liste di attesa negli asili e il lavoro"

Il volto dell'estrema destra alle prossime elezioni è quello di Mirco Ottaviani, 29 anni, operaio nel settore dell'idraulica, candidato sindaco per Forza Nuova. Ottaviani sa che la sfida del 5 giugno sarà ardua, “ci spero, ma non mi faccio illusioni e lo dico con tutta umiltà – afferma – a noi interessa entrare in consiglio comunale per portare la nostra presenza e dare un contributo al cambiamento”.
Cosa l'ha spinta a candidarsi?
“La spinta maggiore è arrivata da tante persone che abbiamo aiutato attraverso Solidarietà nazionale, il progetto per la raccolta alimentare, con cui adesso diamo una mano a 180 persone di Rimini. In molti hanno insistito affinché mi candidassi e alla fine ho deciso di metterci la faccia”.
Chi sono i cittadini che aiutate?
“Sono soprattutto ragazze madri o genitori che hanno perso il posto di lavoro. La raccolta alimentare viene effettuata con cadenza settimanale fuori dai supermercati e una volta al mese distribuiamo i generi di prima necessità”.
Qual è la sua ricetta per Rimini?
“Due temi cardine del nostro programma sono il sociale e la sicurezza. Per quanto riguarda il primo punto ribadisco il concetto che portiamo avanti: 'prima gli italiani'. Oggi con la crisi che morde e il problema dei flussi migratori aumenta il rischio di dimenticarsi degli italiani che perdono il lavoro e non riescono ad arrivare a fine mese. Queste persone devono avere precedenza nelle liste per le case popolari, per gli asili e i posti pubblici. Rispetto alla sicurezza ritengo che sia da riorganizzare tutto l'apparato delle forze di polizia, il personale che sbriga le pratiche burocratiche va impiegato in strada per la prevenzione sul territorio. Intensificherei anche le passeggiate serali dei gruppi di vigilanza volontari. Forza Nuova le fa da tempo”.
Una zona di Rimini che ritiene critica?
“Le zone periferiche. A sud Miramare e Rivazzurra e a Nord Torre Pedrera e Viserba. L'amministrazione comunale si è concentrata troppo sul centro tralasciando altri quartieri. Nonostante ciò, anche in piazza Ferrari, a Borgo Marina e nell'area della stazione ferroviaria si registrano situazioni di degrado e delinquenza”.
Le telecamere possono essere una soluzione?
“Credo che servano in punti strategici, ma la videosorveglianza del territorio non può risolvere il problema della criminalità, inoltre i cittadini rischiano di perdere la propria privacy. Servono prevenzione e più uomini”.
Chi pensa la voterà?
“Oltre a molti giovani simpatizzanti di Forza Nuova, la svolta elettorale credo arriverà dalle persone anziane, sempre più spesso veniamo avvicinati da persone di una certa età, sole e spaventate dai reati che ogni giorno vengono commessi”.
Un luogo dove interverrebbe subito?
“Ne ho tre in mente e li farei subito chiudere. Il campo nomadi in via Portogallo, la moschea e i centri sociali. Per quanto riguarda la moschea non criminalizzo chi va a pregare, ma è una questione di sicurezza”.

Un punto del programma a cui tiene in particolare?
“Mi voglio battere affinché il Comune possa gestire autonomamente il servizio di riscossione dei tributi, liberandosi di Equitalia. In questo modo è possibile essere più vicini alle necessità dei cittadini, valutando le modalità di pagamento. Ci sono padri di famiglia che hanno perso il lavoro e sono sommersi dai debiti, vanno sostenuti insieme alle loro famiglie. Al primo posto per noi c'è sempre la famiglia, vogliamo aiutare anche le donne che lavorano in casa introducendo un riconoscimento economico. Forza Nuova è per la famiglia naturale, diciamo infatti un secco no alle unioni civili e al gay pride o Summer pride che si terrà a fine luglio a Rimini”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intervista a Mirco Ottaviani: "Sosteniamo la famiglia e diciamo no al Summer pride di luglio"

RiminiToday è in caricamento