Italia in Miniatura a Misano, Casadei (PdL): "Perchè no?"

A Misano si sta redigendo il nuovo PSC e da una sommaria presentazione non vi è traccia di parchi attrattivi che possano aumentare “l’appeal” del nostro territorio.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RiminiToday

A Misano si sta redigendo il nuovo PSC e da una sommaria presentazione non vi è traccia di parchi attrattivi che possano aumentare “l’appeal” del nostro territorio. Paolo Rambaldi, patron dello storico parco ITALIA IN MINIATURA, sta valutando la possibilità di trasloco per mancanza di spazi, e questa è una occasione irripetibile per la parte sud della Provincia di Rimini.

Misano è un Comune che detiene i terreni necessari alla creazione di un parco e un’opera simile non farebbe altro che arricchire un territorio povero di infrastrutture turistiche come il nostro. Si parla inoltre della creazione di 800 nuovi posti di lavoro.

Il Pdl di Misano invita l’amministrazione a distogliere lo sguardo dalle solite abitazioni e la esorta a concentrarsi su cosa serve realmente al nostro Comune. Dal 1999 ad oggi sono stati pianificati 32 comparti edilizi, dei quali 16 ancora da realizzare, ma nessuna traccia di infrastrutture atte a far lavorare di più il tessuto turistico del nostro territorio. Al vecchio PRG si aggiunge ora il nuovo PSC, il quale prevede altri 30.000 mq di edificabilità senza alcun polo turisticamente attrattivo.

Abbiamo gli spazi, ma il centrosinistra è senza idee ed è fossilizzato sulla costruzione di abitazioni. Il parco dei motori di cui tanto si parla, ancora oggi non vede alcun futuro. Un circuito ovale permanente per lo speedway, oppure un circuito per il cross acrobatico, sono tutte opere realizzabili strettamente correlate al mondo dei motori, ma evidentemente si aspetta che qualcun altro si attivi prima.

Abbiamo gli spazi e gli investitori attendono solo la disponibilità delle amministrazioni. Invitiamo Stefano Giannini ad attivarsi immediatamente per valutare questa possibilità, contattando Paolo Rambaldi per non lasciare nulla di intentato. 



Torna su
RiminiToday è in caricamento