La Lega Nord denuncia: "Nel carcere dei 'Casetti' il 50% dei detenuti è straniero"

Gli esponenti del Carroccio: "La situazione della Casa Circondariale, a livello romagnolo, è la peggiore"

A fornire la fotografia delle carceri romagnole e dell’incidenza per numero di detenuti stranieri è ancora una volta la Regione Emilia Romagna, attraverso i dati diffusi dal Garante regionale delle persone sottoposto a misure restrittive. “Al 30 giugno 2017 sono 159 i detenuti presenti nell’istituto penitenziario di Rimini. Di questi, 80 sono stranieri". A renderlo noto sono il segretario romagnolo della Lega Nord, Jacopo Morrone, e il collega riminese Bruno Galli: “la situazione del carcere di Rimini, a livello romagnolo, è la peggiore. Sia per percentuale di stranieri che per numero di presenze in termini assoluti”. Il dato che più fa riflettere è l’incremento pressoché costante della detenzione riminese: “nel 2016 su 146 detenuti, 73 erano stranieri. In pratica la stessa percentuale del 50% ma calibrata su un numero più basso di presenze complessive.” Stesso copione nel 2015 e nel 2014, rispettivamente archiviati con 92 ‘ospiti’ in totale, di cui 49 stranieri, e 110 di cui 50 stranieri. “Numeri allarmanti se si prende in considerazione l’incidenza percentuale degli stranieri presenti sul territorio riminese (pari al 10% circa)” – attaccano gli esponenti della Lega – “in pratica uno su due dei detenuti presenti nella casa circondariale di Rimini, non è italiano”. Non rassicura nemmeno la ripartizione per tipologia di reato all’interno dell’istituto penale riminese che, a tutti gli effetti, rievoca le classiche di questi giorni sulla qualità della vita nella provincia romagnola, bocciata all’unanimità in termini di sicurezza e indice di criminalità. “Su 80 detenuti stranieri attualmente presenti nel carcere di Rimini – chiosa Morrone – la maggior parte, ovvero 47, deve rispondere almeno di un capo di imputazione afferente reati contro il patrimonio e 31 di illeciti contro la persona. Anche in questo caso, rispetto al 2016, il trend è in aumento. Lo scorso anno erano 34 i detenuti stranieri colpevoli di reati al patrimonio. 33 invece nel 2015.”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento