rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Politica

La mozione sul lavoro non passa. La delusione di Gloria Lisi: "La maggioranza boccia le buone proposte"

La consigliera: "Senza proporre nulla se non il solito tavolo di confronto, la maggioranza si limita a bocciare le proposte altrui pur sapendo che sono ampiamente condivisibili"

“Ero a prendere da bere alle macchinette e ho sentito un rumore molto fastidioso che veniva dalla sala consiliare, era il rumore delle vostre unghie che scivolavano sugli specchi. Nel mio ordine del giorno ho ripetuto le parole formazione, informazione, cultura della legalità, prevenzione tantissime volte eppure voi dite di bocciarlo perché è un odg che si basa su coercizione e repressione. Parole che non ho né scritto, né letto, né tantomeno pensato”. E’ molto dura la replica di Gloria Lisi alla maggioranza nel consiglio comunale del 29 marzo.

"Bocciato l’ordine del giorno per eccellenza di sinistra intitolato ‘Dal Lavoro Nero al Lavoro Vero’. Un ordine del giorno chiaro, semplice e anche a detta della maggioranza, ben fatto e di tutto rispetto con elementi di notevole valore. Non vengono invitati gli attori principali per la sicurezza e ci si limita a discorsi ideologici che non porteranno a nulla se non a sterili discussioni. Ma come sempre, come un disco rotto ormai sentito e risentito da 6 mesi, senza proporre nulla se non il solito tavolo di confronto focus group, la maggioranza si limita a bocciare le proposte altrui pur sapendo bene che sono ampiamente condivisibili".

"Strano il fatto che si boccia un ordine del giorno che riprende quasi integralmente quanto già approvato dalla giunta Gnassi nel 2013 con un odg sul lavoro gravemente sfruttato nel settore turistico conclude Gloria Lisi -. Ricordiamo che il sindaco attuale era proprio membro della giunta Gnassi che ha acconsentito all’approvazione dell’ordine del giorno del 2013. Possibile che nemmeno sul lavoro nero e gravemente sfruttato si sia preso atto che un testo su legalità, sicurezza e organici rafforzati proposto da un gruppo di minoranza possa essere votato favorevolmente dalla maggioranza. I numeri ci parlano di un’attività istituzionale “blanda” dove se non vi fossero i Consigli tematici non avremmo quasi argomenti da trattare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La mozione sul lavoro non passa. La delusione di Gloria Lisi: "La maggioranza boccia le buone proposte"

RiminiToday è in caricamento