Mercoledì, 19 Maggio 2021
Politica

La Petitti lancia un "'patentino' vaccinale per essere più sicuri nei luoghi di aggregazione"

Per l'esponente dem un documento che "permetta a costoro di accedere con libertà nei luoghi di aggregazione e socialità"

Con il "vaccine day" che si sta avvicinando e con tutto il mondo che guarda con speranza a questa soluzione per combattere il Coronavirus Emma Petitti, presidente dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna lancia l'idea di un "patentino" per chi si sottopone alle vaccinazioni in maniera tale da essere più liberi e sicuri nei luoghi pubblici. "La notizia dell'approvazione del vaccino Pzifer-Biontech da parte dell'Ema - spiega la Petitti - rappresenta davvero un'iniziezione di fiducia per il futuro della nostra comunità, perché significa avere a disposizione, finalmente, un'arma contro un virus che ha stravolto la vita e le abitudini di tutti noi, nonché i ritmi di interi sistemi. È il miglior regalo per iniziare il 2021 con maggiore ottimismo e fiducia, dopo un anno molto difficile fatto di dolore, preoccupazioni e sacrifici.  Sapere che dal 27 dicembre arriveranno le prime dosi di vaccino in Emilia-Romagna, così come in tutta Italia, riscalda il cuore". 

"Io credo nella necessità, una volta che saranno partite le vaccinazioni, di introdurre una sorta di "patentino vaccinale" che certifichi chi ha effettuato il vaccino e permetta a costoro di accedere con libertà nei luoghi di aggregazione e socialità: tornare a viaggiare, assistere a un concerto, andare in una sala cinematografica, eccetera - prosegue l'esponente Dem. - Sarebbe un incentivo per avere una copertura vaccinale maggiore e per rendere gli spazi in cui si genera contatto tra le persone più sicuri, tutelando così la salute pubblica di tutti, a cominciare dalle persone immunodepresse che hanno comunque diritto a una vita di normalità.  Fare il vaccino è un esercizio di responsabilità individuale, ma prima ancora collettiva, per salvaguardare la salute di tutti e azzerare la corsa del virus.  Se è vero che l'uomo non è un'isola, è chiaro che le scelte di un individuo ricadono anche sugli altri. Per questo è importante vaccinarsi". 

"A tal proposito - conclude la Petitti - è un bene che molti esponenti politici e amministratori locali abbiano preso una posizione netta, dando la loro piena adesione alla vaccinazione. Credo che da parte di chi ricopre ruoli politici e istituzionali sia un dovere morale e civico condividere questo messaggio di fiducia nella scienza per rimettere al centro lo studio degli esperti e invitare l'opinione pubblica a fare altrettanto, combattendo la campagna di disinformazione e fake news che ruota intorno a questo tema. In Emilia-Romagna abbiamo già una copertura vaccinale elevata. Sarà così anche contro questo virus, ne sono certa. Il Covid lo sconfiggeremo uniti, aiutandoci tra noi e facendo la nostra parte con comportamenti corretti. Proprio in questo senso, il patentino vaccinale sarà la dimostrazione di un'assunzione di responsabilità verso se stessi e gli altri".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Petitti lancia un "'patentino' vaccinale per essere più sicuri nei luoghi di aggregazione"

RiminiToday è in caricamento