Lavoratori frontalieri, aumenta la franchigia: da 6700 a 7500 euro

La Commissione bilancio della Camera ha appena accolto l'emendamento a prima firma del deputato Pd riminese Tiziano Arlotti che innalza la franchigia fiscale annuale per i lavoratori frontalieri dagli attuali 6700 a 7500 euro

La Commissione bilancio della Camera ha appena accolto l'emendamento a prima firma del deputato Pd riminese Tiziano Arlotti che innalza la franchigia fiscale annuale per i lavoratori frontalieri dagli attuali 6700 a 7500 euro. "L'emendamento che ho presentato insieme ad altri colleghi - dichiara Arlotti- chiedeva, nell'ambito degli interventi di sostegno al reddito, un aumento di 8.500 euro. Il Governo, pur accogliendo la richiesta, ha potuto garantire le coperture fino a 7.500, euro che sostanzialmente è un aumento pari al 12%".

"Voglio inoltre ricordare che nella Legge di stabilità 2014, un anno fa, siamo riusciti a stabilizzare definitivamente la franchigia dei 6.700 euro e quest'anno per la prima volta gli 80.000 frontalieri italiani non hanno avuto l'assillo di dover attendere la proroga, potendo contare sulla certezza della stessa. Inoltre la Legge di stabilità 2015 che giovedì approderà in aula alla Camera ha definitivamente stabilizzato il il bonus fiscale da 80 euro mensili che, grazie alla risoluzione da me sollecitata al direttore generale dell'Agenzia delle entrate, viene riconosciuto anche a tutti i lavoratori frontalieri che dalla dichiarazione dei redditi dell'anno 2014 potranno conguagliare il relativo importo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 “L'aumento a 7.500 euro della franchigia per i frontalieri in Legge di stabilità è un'ottima notizia per gli oltre 5mila lavoratori che prestano la loro opera nella Repubblica di San Marino - afferma la parlamentare Emma Petitti -. Un provvedimento che si inserisce nella rinnovata collaborazione, amicizia e buon vicinato fra il nostro Paese e il Titano nell'anno del 675° anniversario della firma del Trattato. Con gli accordi ratificati in questa legislatura siamo finalmente arrivati alla normalizzazione dei rapporti fra i due Stati, gettando i semi per una cooperazione sempre più proficua”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento