Linee del bilancio 2018, Cisl e Uil: "Così non va, siamo molto preoccupati"

Paola Taddei (Cisl Romagna) e Giuseppina Morolli (Cst Uil) esprimono prima di tutto "una valutazione negativa sul metodo"

Cisl e Uil bocciano le linee del bilancio 2018. I sindacati sono stati convocati giovedì dalla giunta di Rimini alla presenza degli assessore Gian Luca Brasini, Gloria Lisi e Mattia Morolli. Paola Taddei (Cisl Romagna) e Giuseppina Morolli (Cst Uil) esprimono prima di tutto "una valutazione negativa sul metodo, infatti nonostante la sottoscrizione di accordi per definire le modalità del confronto, anche quest’anno si arriva a ridosso della approvazione del bilancio senza aver avuto confronti, vere discussioni con le organizzazioni sindacali".

"A cosa serve definire percorsi condivisi per garantire una vera partecipazione se poi questa è solo nelle parole mentre la sostanza resta quella solita della non volontà di confrontarsi con chi rappresenta decine e decine di migliaia di lavoratori, lavoratrici, pensionati e pensionate - continuano -. A questo metodo diciamo un grande no. Nel merito del bilancio esprimiamo forte preoccupazione per la situazione finanziaria, in particolare abbiamo assistito ad una diminuzione degli introiti derivanti dalle sanzioni, che a nostro avviso erano enormi negli anni precedenti, (a danno dei cittadini riminesi), oggi si palesa la copertura con il recupero dell’evasione".

"Perché non si è fatta prima la lotta all’evasione, a tutte le evasioni, ai tributi locali ma anche alle tasse nazionali; sulla evasione Imu si dovranno recuperare molti milioni di Euro, bene perché nel 2018 non sono arrivate queste risorse? - si chiedono Taddei e Morolli -. Che le finanze del comune non siano floride lo testimonia il parziale blocco delle erogazioni ai dirigenti (ultimi 2 mesi dell’anno), forse per non evidenziare il rischio dell’equilibrio del bilancio. In una situazione di tale difficoltà verrà certamente a calare il sostegno necessario da parte del comune al rilancio della economia territoriale con grave danno per i soggetti più deboli, i lavoratori e soprattutto i giovani ed i disoccupati".

"Il comune di Rimini in questi ultimi anni non ha brillato per aver messo più risorse nel Welfare, a sostegno dei deboli, delle famiglie e dei pensionati", aggiungono i sindacati, che citano "un unico esempio: il fondo a disposizione per aiutare i soggetti in difficoltà nel pagamento della Tari è oltremodo basso,(oggi come nel 2017 ammonta a 135.000 quando la necessaria copertura per chi ne ha diritto dovrebbe crescere di 100.000) nonostante le nostre ripetute richieste tutto è rimasto inalterato, anche l’odioso meccanismo per cui le persone in difficoltà  prima Pagano  la Tari poi vengono rimborsati . Questo meccanismo iniquo è adottato solo nel Comune di Rimini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’unica cosa certa è che le persone devono girare per gli uffici comunali diverse volte per poi spesso non ottenere quello a cui avrebbero diritto. Buon esempio di amministrazione al servizio dei cittadini - concludono -. Siamo molto preoccupati, quando il comune capoluogo per mantenere l’equilibrio di bilancio si affida o alle multe (poi non corrispondenti alle attese) o ad un fantomatico recupero dell’evasione ci preoccupiamo per la stabilità finanziaria e per la capacità di investimento del comune di Rimini sia nelle opere pubbliche programmate ,sia per lo sviluppo e la crescita del territorio Riminese".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • Bimbo muore a nove anni, il sindaco: "Abbiamo perso tutti un pezzo di cuore, ci sarà il lutto cittadino"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento