menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Decreto Salva Italia, il sindaco Pironi: "850mila euro in meno a Riccione"

Il Sindaco di Riccione, Massimo Pironi, ha incontrato giovedì pomeriggio i rappresentanti delle Associazioni di categoria e delle organizzazioni sindacali circa l’applicazione dell’IMU

Il Sindaco di Riccione, Massimo Pironi, ha incontrato giovedì pomeriggio i rappresentanti delle Associazioni di categoria e delle organizzazioni sindacali circa l’applicazione dell’IMU, Imposta municipale sugli immobili e dell’Imposta di soggiorno in vista della predisposizione e approvazione del Bilancio d’esercizio 2012. Scopo dell’incontro, informare i rappresentanti delle categorie economiche e dei sindacati delle proiezioni e simulazioni sul bilancio svolte su alcuni immobili: prime case, seconde case, attività economiche e hotel, al variare delle percentuali di applicazione dell’IMU.

“Il Decreto Salva-Italia  - ha spiegato il sindaco Massimo Pironi porterà altri tagli ai trasferimenti dello Stato verso i comuni. Per Riccione si tratterà di 850.000 euro in meno per il 2012. Inoltre andrà allo Stato il 50 per cento dell’IMU sulle seconde case e altri fabbricati, calcolato sull’aliquota minima applicabile per legge del 7,6 per mille. Si tratta di altri 9.679.000 euro, che  riscuoteremo per conto dello Stato. Il primo paletto che, come Amministrazione, intendiamo mantenere è l’applicazione sulla prima casa al minimo del 4 per mille.”

Sulla seconda casa il discorso cambia. La tariffa minima di legge è del 7,6 per mille. “Per chiudere il bilancio in pareggio abbiamo sul piatto due ipotesi. La prima: applicare, oltre al 4 per mille sulla prima casa, la percentuale del 8,5-8,7 per mille sulle seconde case e gli altri fabbricati, oltre all’imposta di soggiorno. L’alternativa è: niente tassa di soggiorno, ma imposta spinta al 9,6 per mille su seconde case e altri fabbricati.” Esiste anche una terza strada: il taglio dei servizi. “Ma siamo una località turistica, e sarebbe una regressione inaccettabile e improponibile. Dobbiamo anzi mantenere elevato il livello dei servizi e degli investimenti. Solo così si fronteggia una situazione di crisi come quella attuale.


I tempi per la decisione finale saranno molto rapidi. L’Amministrazione comunale intende approvare lo schema di Bilancio 2012 da sottoporre al Consiglio comunale entro giovedì della prossima settimana. Il Consiglio comunale sarà chiamato ad approvarlo entro il 19 gennaio. “Abbiamo deciso di stringere i tempi – ha spiegato il Sindaco Pironi – solo in questo modo è possibile fare una programmazione seria delle attività dell’anno. E’ chiaro che la decisione finale sarà comunque dell’Amministrazione e del Consiglio comunale.” All’incontro erano presenti anche diversi Consiglieri comunali di maggioranza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento