Marzio Pecci (Lega): "Il turismo romagnolo ha bisogno di innovazione e di riconvertirsi"

Il capogruppo del Carroccio in consiglio comunale: "Dobbiamo stimolare l'imprenditoria turistica ed i grandi gruppi alberghieri a sbarcare a Rimini e "costringere" la proprietà dell'aeroporto a sviluppare il traffico"

Puntare al turismo culturale, sviluppare l'aeroporto e sfruttare le nostre risorse extrabalneari. Non ha dubbi Marzio Pecci, capogruppo in consiglio comunale a Rimini della Lega, per incrementare l'arrivo dei vacanzieri in un'estate che "ha buoni numeri ma non eccezionali come gli amministratori locali e regionali vogliono farci credere". "E' estate tempo di divertimento, ma la politica non può farsi deviare dagli eventi frivoli, che, sia ben chiaro, è giusto che ci siano, ma noi dobbiamo volare in alto - spiega Pecci. - La crisi economica non è superata ed il settore turismo, la nostra economia primaria, ha numeri buoni, ma non eccezionali come gli amministratori locali e regionali vogliono farci credere. Le statistiche dicono che stiamo andando bene, ma siamo consci che ciò è frutto delle deficienze dei concorrenti dell'area mediterranea e non sicuramente merito delle nostre strutture che non sono capaci di attrarre nuova clientela. Il turismo romagnolo ha bisogno di innovazione e di riconvertirsi perché non è pensabile che a fine luglio si trovi ancora posto nei nostri alberghi. Dobbiamo quindi sforzaci tutti per pensare ad un turismo identitario diverso da quello balneare: il turismo culturale è sicuramente alla nostra portata perché possediamo un patrimonio storico culturale di primaria importanza.

"Se è vero - prosegue Pecci - che Castel Sismondo parla con il Museo Fellini e con il teatro Galli è altrettanto vero che dobbiamo togliere le bende all'Anfiteatro romano, lo voglia o no il Ceis, per completare quella valorizzazione del patrimonio storico culturale che servirà a dare una nuova identità a Rimini ed al nostro turismo. Dobbiamo fare in fretta perché il mercato non aspetta. Dobbiamo stimolare l'imprenditoria turistica ed i grandi gruppi alberghieri a sbarcare a Rimini e "costringere" la proprietà dell'aeroporto a sviluppare il traffico per far diventare la struttura aeroportuale internazionale "porta di ingresso" del turismo culturale in Italia. Ha ragione il Ministro Centinaio quando afferma che il turismo è il nostro Petrolio; che dobbiamo guardare al turismo di qualità e che per promuoverlo farà una grande operazione di marketing per comunicare che esiste un'Italia da vedere, una da mangiare, una da bere ed una al top della qualità. Io credo che questo Governo, se avrà al fianco tutti gli operatori turistici, potrà realizzare grandi progetti.  Intanto però una decisione andrebbe presa: salvare Alitalia per farne un'azienda di Stato moderna che colleghi il nostro Paese  a tutte le capitali del mondo. In questo modo l'arrivo da noi sarebbe più facile e stimolante".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento