Gnassi: "Non basta pensare solo ai tornelli per rendere più sicure le città"

Al Forum dei sindaci che si è tenuto al Meeting di Comunione e Liberazione, il primo cittadino di Rimini ha sottolineato come "occorrono anche idee e cervelli”

"La polis al centro della politica. Workshop con i Sindaci italiani" è il titolo del workshop organizzato nell’ambito del Meeting di Rimini al quale ha partecipato questa mattina il Sindaco Andrea Gnassi e che ha visto seduti al tavolo altri sei primi cittadini del Paese: il sindaco di Firenze Dario Nardella, promotore dell’iniziativa, Matteo Ricci, sindaco di Pesaro, Francesco Nelli sindaco di Cittareale, Giorgio Gori per Bergamo, Matteo Biffoni per Prato e infine Luigi Brugnaro, primi cittadino di Venezia. Il workshop partiva da un dato di fatto, il tasso di natalità sempre più negativo in Italia, per scattare una fotografia della realtà delle piccole, medie e grandi città italiane e soprattutto ragionare su quali politiche mettere in campo per consentire ai Comuni di dare ai cittadini le risposte di cui hanno bisogno e quindi favorire lo sviluppo.

“I Comuni, in un contesto di una paurosa crisi di fiducia e istituzionale, sono ormai gli unici portoni a cui si bussa per ogni cosa – ha detto il sindaco Gnassi nel suo intervento -  un contributo, una strada da sistemare, le scuole, i progetti per riqualificare le città. Il problema nasce dal fatto che siamo in una dimensione tale per cui ai sindaci non è data la possibilità di rispondere a tali problemi, a causa di una sovrapposizione di competenze e di livelli istituzionali che non consentono di avere riferimenti certi; penso al tema caldissimo della sicurezza, questione che non deve avere colore politico: su questo fronte ad esempio credo che sia indispensabile che certe sanzioni amministrative siano accompagnate e rafforzate da sanzioni penali. Penso anche all’urbanistica, dove sono decine i soggetti che legiferano talvolta in contrasto. I Comuni possono dare risposte ai propri cittadini, se alle maggiori responsabilità corrisponde anche una maggiore autonomia”.

“Il titolo di questa edizione del Meeting – sottolinea ancora il Sindaco Gnassi – è “Quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo”.  Noi sindaci seduti al tavolo arriviamo dopo una generazione di ‘figli’ che forse non erano consapevoli di essere anche eredi; ci troviamo un paese in dissesto economico e idrogeologico. I figli hanno pensato a difendere il patrimonio o solo a dissiparlo? Noi amministratori oggi dobbiamo avere la libertà e il coraggio di progettare sul lungo periodo, di guardare avanti, di mettere le basi perché cresca una famiglia, intesa come città. Rimini sta progettando il suo domani attraverso interventi di riqualificazione urbana grazie ai quali potrà garantirsi una nuova fase di sviluppo, grazie a una superiore attrattività internazionale. Dal rifacimento del sistema idrico fognario al recupero dei contenitori culturali, dicendo no alla cultura del cemento e dunque passando dai ‘motori immobiliari ai motori culturali’. Io credo, in questo senso, che la pianificazione strategica influenzi la qualità del nostro vivere e dunque quella speranza per il futuro e le città devono essere sostenute in questo sforzo. Anche io mi chiedo: se il dibattito oggi si incentra su quante barriere in cemento, su quanti tornelli impiantare per rendere più sicure le città, ha senso ‘progettare’ una città ancora più libera, con più servizi, con l’obiettivo di attirare ancora più persone? Si può pensare che la qualità della nostra vita sia determinata esclusivamente da tornelli e non semmai da cervelli? Avere un’idea di città significa anche trovare le soluzioni ai problemi, anche più radicati, significa trovare soluzioni affinché i giovani restino nelle nostre città e affinché si crei lavoro. La nostra idea di società non si può basare solo su un assegno di cittadinanza, ma sul lavoro”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento