Mini-Aspi, approvata in commissione alla Camera risoluzione bipartisan a favore della deroga

E' stata approvata martedì in commissione Lavoro della Camera la risoluzione bipartisan sulla mini-Aspi presentata dal deputato Pd riminese Tiziano Arlotti insieme al deputato del Pdl Sergio Pizzolante e sottoscritta tra gli altri, dalla collega Pd Emma Petitti

E' stata approvata martedì in commissione Lavoro della Camera la risoluzione bipartisan sulla mini-Aspi presentata dal deputato Pd riminese Tiziano Arlotti insieme al deputato del Pdl Sergio Pizzolante e sottoscritta tra gli altri, dalla collega Pd Emma Petitti. Il provvedimento ha avuto in commissione il sì di tutti i gruppi politici ad esclusione della Lega nord ed impegna il governo ad adottare in via d'urgenza iniziative per introdurre una deroga che consenta per gli anni 2013 e 2014 ai lavoratori stagionali di accedere all'indennità riducendo a 10 le settimane di contribuzione; garantire ai lavoratori non solo la copertura della disoccupazione, ma anche la salvaguardia degli accrediti ai fini pensionistici; prevedere un percorso di riforma complessiva dell'istituto della mini-Aspi.

“Il sottosegretario al Lavoro, Carlo dell'Aringa, ha comunicato che ministero ed Inps stanno valutando l'impatto economico della riduzione delle settimane di contribuzione da 13 a 10 – spiega Arlotti -. Una prima valutazione da parte dell'Inps, che ha inviato i dati al ministero dell'Economia, stima una copertura necessaria di circa 12 milioni di euro. Lavoreremo per inserirla nella legge di stabilità in via di elaborazione”.

E' stato affrontato anche il problema delle nuove norme per l'iscrizione alla lista DID (dichiarazione immediata disponibilità). “Quest'anno hanno provocato numerosi disagi sia ai lavoratori che agli uffici dei centri per l'impiego – ricorda il deputato riminese -. Il governo si è impegnato a sollecitare la direzione generale Inps a modificare o interpretare la circolare 142/2012 in tempi brevissimi, per dare ai lavoratori la possibilità di avere più tempo per presentare la DID e permettere così anche agli uffici competenti di svolgere al meglio il loro lavoro”.

L'obiettivo resta la revisione complessiva dell'istituto della mini-Aspi, conclude Arlotti. “Non dimentichiamo infatti che ora l'erogazione del beneficio per un periodo pari alla metà delle settimane di contribuzione determina un abbassamento consistente degli importi rispetto all'indennità di disoccupazione con requisiti ridotti, e che analogamente viene ridotta la contribuzione figurativa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento