rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Politica Saludecio

Mondaino, Montegridolfo e Saludecio: prosegue l'iter per la fusione

I relatori del progetto di legge sono Nadia Rossi (Pd) per la maggioranza e Raffaella Sensoli (M5s) per l'opposizione

Con il sì di Pd e Sel e l’astensione di Ln, M5s e Fdi-An, è stato approvato dalla commissione Bilancio, affari generali e affari istituzionali, presieduta da Massimiliano Pompignoli, l’articolato del progetto di legge per la fusione dei Comuni riminesi di Mondaino, Montegridolfo e Saludecio. I relatori del progetto di legge sono Nadia Rossi (Pd) per la maggioranza e Raffaella Sensoli (M5s) per l'opposizione. Ciascuna proposta referendaria si compone di due quesiti, quello relativo all’istituzione di nuovo Comune mediante fusione di quelli preesistenti, e quello sul nome del nuovo Comune. Le denominazioni proposte sono Castelli Malatestiani, Cinquecastelli, Valtavollo, Treterre, Alto Tavollo, Sant’Amato, Trecastelli di Romagna e Terre Malatestiane.

Mondaino, Montegridolfo e Saludecio fanno parte dell’Unione del Valconca, con una superficie complessiva di circa 61 chilometri quadrati e una popolazione di circa 5.500 residenti. In caso di fusione, a decorrere dal primo gennaio 2017, il nuovo Comune unico potrebbe beneficiare del contributo regionale di 140.000 euro all’anno, per la durata di quindici anni, e di un ulteriore contributo straordinario annuale in conto capitale di 150.000 euro per i primi tre anni. Sul nome del nuovo Comune è intervenuta Raffella Sensoli (M5s) per chiedere “se, come anticipato dalla Giunta, è programmata una riduzione del numero dei nomi”. La Giunta ha riferito che “non ci sarà alcuna riduzione, perché occorrerebbero nuove deliberazioni comunali”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mondaino, Montegridolfo e Saludecio: prosegue l'iter per la fusione

RiminiToday è in caricamento