Montecopiolo e Sassofeltrio, il Mar: "Le Marche ritardano il passaggio in Romagna"

A parlare è Samuele Albonetti, coordinatore regionale del Movimento per l'Autonomia della Romagna.

"Ancora oggi, i vertici della regione Marche, per voce dello stesso presidente Ceriscioli, alzano il tono dei propri interventi mostrandosi assai poco democratici e scarsi conoscitori delle leggi e regolamenti italiani. Viene chiesto di bloccare l’iter parlamentare per il passaggio di Montecopiolo e Sassofeltrio dalle Marche alla Romagna quando il ritardo è dovuto prevalentemente all’ostruzionismo antidemocratico che loro stessi hanno esercitato fin dal primo momento, dai predecessori fin allo stesso Ceriscioli. E viene chiesto di ripetere il referendum quando si sa benissimo che ciò non è possibile: prima il Parlamento deve dare una risposta, o meglio prendere atto, dell’esito del referendum già tenuto nel giugno 2007". A parlare è Samuele Albonetti, coordinatore regionale del Movimento per l'Autonomia della Romagna.

"Le Marche, una bellissima regione piena di gente onesta e lavoratrice, vanto per l’Italia intera, meriterebbero forse una presidenza di ben altra caratura. Ma questo sapranno valutarlo gli amici marchigiani alla prossima occasione elettorale. Tornando a noi, Valconca e Valmarecchia, di cui Sassofeltrio e Montecopiolo fanno parte, ricadono in Romagna da ogni punto di vista, geografico, storico, culturale, economico. Quando piove in questi due Comuni l’acqua scorre verso la Romagna e finisce in mare a Rimini, Misano e Cattolica. E come l’acqua, che è vita, queste popolazioni hanno sempre avuto la Romagna come unico riferimento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Invitiamo pertanto il Senato della Repubblica e il presidente Casellati a non indugiare nel procedere e permettere a Montecopiolo e Sassofeltrio di tornare a casa, in Romagna. E al contempo invitiamo il presidente della regione Marche a tenere un comportamento più istituzionale e rispettoso della volontà popolare. Questa è la democrazia, scelta dai cittadini dellla Repubblica Italiana. Non piacerà a tutti ma è la forma che noi italiani abbiamo scelto e per cui i nostri padri e nonni hanno versato sangue e in tanti casi donato anche la vita. Qualcuno vuole ripetere il referendum del 1946 per scegliere fra Monarchia e Repubblica? Magari c’è chi ha cambiato idea!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento