Muore dopo essere stato dimesso dal pronto soccorso, interrogazione in Regione

Firmata da Raffaella Sensoli del Movimento 5 stelle, per il consigliere è fondamentale capire se i protocolli siano stati attivati in modo corretto

Il caso del cittadino riminese di 66 anni, deceduto per un'emorragia cerebrale, è oggetto di un'interrogazione, rivolta al governo regionale dell'Emilia-Romagna, a firma Raffaella Sensoli del Movimento 5 stelle. Da quanto emerge da notizie stampa, spiega la consigliera, "sembra esserci stata una sottovalutazione del caso, che ha portato a una diagnosi tardiva". Per la pentastellata, è fondamentale capire se i protocolli siano stati attivati in modo corretto, per cui "occorre un'attenta indagine interna". La consigliera vuole quindi sapere dall'esecutivo regionale "se non si ritenga opportuno invitare l'Ausl ad avviare un'indagine" e "se l'accaduto sia stato segnalato come evento sentinella, inatteso e che può comportare la morte del paziente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

Torna su
RiminiToday è in caricamento