rotate-mobile
Politica

Nadia Rossi (Pd): "L'alta velocità è un'urgenza non più rimandabile, apriamo i cantieri in Romagna"

La consigliera regionale: "Abbiamo il proposito di portare il 50% dei viaggiatori e il 30% delle merci sul ferro. Penso quindi che la rete debba essere all’altezza dell’obiettivo"

“Ecco dove si viaggia più lenti di 50 anni fa” titola un pezzo di Repubblica pubblicato oggi. Tratta della lentezza di alcuni treni e di alcune tratte ferroviarie in Italia, e il primo esempio riportato è quello della Bologna-Rimini. Ci vuole almeno un’ora e mezza con il regionale per compiere il tragitto, frequentato ogni giorno da migliaia studenti, pendolari, turisti che vanno e vengono dalla Riviera.

"Credo che la tecnologia che ha accelerato incredibilmente i trasporti debba necessariamente interessare anche il nostro territorio - dice la consigliera regionale del Pd Nadia Rossi -. Perché le risorse del Pnrr e le idee ci sono per l'adeguamento agli standard dell’alta velocità e alta capacità nelle linee ferroviarie romagnole. Sia in termini di flusso di persone, sia di merci, l’alta velocità sulla linea Adriatica Bologna-Taranto non è più procrastinabile. E la velocizzazione della Ravenna-Rimini, anche considerati significativi investimenti sul porto di Ravenna, è un progetto che interessa tutta la linea a partire dai due Comuni, la Regione Emilia-Romagna e il Ministero e penso vada portato avanti con determinazione e tempistiche adeguate".

"In Emilia-Romagna, con il Piano Regionale Infrastrutture e Trasporti approvato a fine 2021, il principale documento che da qui al 2025 indica le priorità a livello emiliano-romagnolo, stabiliamo che 3,6 miliardi di euro sia investiti per tracciare una mobilità sempre più sostenibile. Abbiamo il proposito di portare il 50% dei viaggiatori e il 30% delle merci sul ferro. Penso quindi che la rete lungo cui far spostare gli uni e le altre debba essere all’altezza dell’obiettivo".

E conclude: "Il Pnrr, a livello generale, destina 25 miliardi nello sviluppo delle linee ad alta velocità/alta capacità oltre a 5,45 miliardi al potenziamento delle reti regionali e all’elettrificazione delle stesse. Ed è notizia di qualche giorno fa il via libera del Ministero al progetto di Rfi per ridurre di un'ora il tempo di percorrenza della tratta Bologna-Bari della linea adriatica. Bene, ma bisogna fare di più. La questione trasporti è molto più che locale e anche da Vicepresidente della Commissione regionale Mobilità, mi rendo conto di come le infrastrutture siano un tema di portata sempre più ampia. Per questo è necessario che in Parlamento siedano persone che da un lato vedono l’interesse generale e dall’altro riescono a inserirvi anche una visione locale: per lavorare per il territorio e far atterrare i finanziamenti in tempi brevi sui progetti già pronti. Penso alle proposte di Andrea Gnassi, candidato alla Camera il prossimo 25 settembre: in Romagna siamo già pronti ad aprire i cantieri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nadia Rossi (Pd): "L'alta velocità è un'urgenza non più rimandabile, apriamo i cantieri in Romagna"

RiminiToday è in caricamento