Nel weekend il secondo Congresso regionale dei Giovani democratici

Sono oltre un centinaio i delegati in arrivo a Rimini per il secondo Congresso regionale dei Giovani democratici, in programma sabato e domenica nella sede di via Dario Campana

Sono oltre un centinaio i delegati in arrivo a Rimini per il secondo Congresso regionale dei Giovani democratici, in programma sabato e domenica nella sede di via Dario Campana della Provincia di Rimini. Saranno due giorni dedicati alla politica e ai temi su cui sono impegnati i giovani del Partito democratico, dal lavoro ai trasporti, dall'ambiente ai diritti civili. Non mancherà un momento di festa, con il concerto dei Bandabardò al Velvet.

L'ordine dei lavori prevede sabato mattina l'arrivo dei delegati. Alle 14.30 l'inizio dell'assemblea plenaria. In apertura porteranno il loro saluto il Segretario regionale Pd Stefano Bonaccini, il Segretario provinciale Pd Emma Petitti, il presidente della Provincia di Rimini Stefano Vitali e il sindaco di Rimini Andrea Gnassi. Si terranno quindi l'intervento del segretario regionale uscente Riccardo Ricci Petitoni e la relazione del candidato segretario Vinicio Zanetti, seguiti dal dibattito. “A 5 anni dal forum nazionale che proprio a Rimini diede il via alla costituzione dei Giovani democratici, siamo orgogliosi di ospitare il secondo Congresso regionale - commenta Emma Petitti -. I giovani del Pd rappresentano una forza vitale e un laboratorio di idee e proposte concrete che il partito raccoglie e guarda con estrema attenzione”.

Dalle 16 alle 19 si riuniranno le commissioni politica ed elettorale

 nella sede del circolo Pd Centro storico (vicolo Beccari
) e nella Sala 5x10 di (via Forzieri 6).

 Sabato sera i Giovani democratici si ritroveranno al Velvet per il concerto dei Bandabardò. Domenica i lavori riprenderanno alle 10 per concludersi! alle 17 con le relazioni delle commissioni e l'elezione del nuovo segretario generale.

I Giovani democratici sono l’organizzazione giovanile del Partito Democratico e sono il luogo di elaborazione e di discussione sul tema delle politiche giovanili del Pd. Giovanni Carghini è stato recentemente riconfermato Segretario provinciale dei Giovani democratici di Rimini. “Il Congresso regionale è un'occasione in cui discutere e presentare le proprie proposte e la propria visione del Paese – evidenzia Carghini -. Per essere giovani non basta la carta d'identità: ci vogliono freschezza mentale e idee innovative. Il cambiamento non può essere solo invocato, ma deve essere costruito e praticato. Perché il nostro tempo è adesso e non ce ne sarà un altro: è ora di far fiorire la 'nostra primavera'”.

Possono aderire ai Giovani democratici i ragazzi dai 14 ai 29 anni di età. L’organizzazione giovanile può sperimentare a tutti i livelli forme di adesione con progetti unitari, patti federativi e protocolli d’intesa con gruppi, movimenti e associazioni tramite un proprio regolamento. I Giovani democratici portano avanti in particolare rapporti di collaborazione con fondazioni, associazioni ed altri istituti, nazionali ed internazionali, a carattere politico-culturale e senza fini di lucro. A Rimini l'organizzazione giovanile sta ad esempio lavorando su proposte da fare adottare alle amministrazioni pubbliche per migliorare la condizione lavorativa dei giovani precari. “Si chiama 'Carta etica del lavoro' - spiega Carghini -, una serie di buone pratiche che impegnino le amministrazioni pubbliche ad adottare un modello virtuoso di relazioni tra i giovani lavoratori e le imprese”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento