Niente verde in piazza Ferrari, bocciata la richiesta del consigliere Renzi

Per l'esponente di Fratelli d'Italia le panchine, destinate al relax nell'area, rimarranno sotto il sole cocente

A denunciare lo stato di abbandono di piazza Ferrari era il consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Gioenzo Renzi, che sottolineava come, dopo gli interventi realizzati dal comune, lo spazio verde non sia più tale. "Aiuole eliminate, meno alberi, e panchine al sole - spiega il consigliere - dopo i lavori di manutenzione è stata eliminata la grande aiuola, di fronte al Monumento a Francisco Busignani, di circa 90 mq. e la sua pavimentazione con lastre di trachite in continuità con la pavimentazione esistente. La pavimentazione con doghe di legno di un’altra aiuola adiacente, sottostante due grandi alberi di leccio. La pavimentazione con laste di trachite di un’aiuola più piccola di circa 25 mq. di fianco l’ingresso della Domus. Continua la riduzione del verde di quello che era lo storico Giardino Ferrari, realizzato nel 1913 dall’Arch. Paolito Somazzi, avviata con il radicale intervento effettuato nel 1990 di trasformazione del Giardino in Piazza Ferrari con la realizzazione della pavimentazione in pietra per una superficie di mq.3200, più del triplo della superficie rimasta a verde, neanche 1.000 mq. E’ incredibile, ma giovedì sera in Consiglio Comunale la maggioranza di Gnassi, senza dire una parola o esprimere una motivazione ha votato contro la mia mozione con cui chiedevo più alberi nel Giardino Ferrari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

Torna su
RiminiToday è in caricamento