Politica

Nuova scuola di via Catullo a Riccione, il Pd: "Non sarà pronta per il nuovo anno scolastico"

"Non crediamo di essere troppo severi se rileviamo che non solo sono incoerenti rispetto ai loro stessi proclami, ma che non sono assolutamente in grado di portare a compimento le opere pubbliche"

Dalla Commissione Bilancio che si è svolta venerdì pomeriggio è emerso che i fondi destinati al pagamento della locazione operativa per la realizzazione della scuola di Via Catullo di Riccione sono stati stornati e destinati a incarichi di progettazione. "Questo significa che la scuola non verrà consegnata e collaudata in tempo per l’inizio del nuovo anno scolastico - contestano dal Pc di Riccione - L’assessore Santi dichiara che sarà pronta per gennaio 2022, ma avendoci abituati a proclami e dichiarazioni infondate ci permettiamo di sollevare qualche dubbio sull’ulteriore impegno preso in commissione. Ricordiamo ai riccionesi che non più tardi del 17 febbraio scorso l’assessore Ermeti aveva pomposamente annunciato che per il prossimo anno si sarebbero aperte sia la scuola di via Catullo che la Panoramica. Non serve aggiungere molto per capire che la scuola Panoramica è ben lontana a venire, ma oggi dobbiamo prendere atto che nemmeno il prefabbricato destinato alla scuola di via Catullo sarà pronto".

"Malgrado le tecniche costruttive scelte potessero in effetti far presumere che una volta tanto le dichiarazioni di questa giunta fossero fondate, la notizia sullo storno dei 207.000 euro della rata del leasing operativo previsto per l’anno 2021 non servirà - continuano i dem riccionesi - La scuola non sarà collaudata prima del 2022. Oltre a ricordare che questa giunta ha deciso di costruire una scuola senza esserne proprietario e dovendo pagare un canone di “locazione”, vorremmo ricordare ai riccionesi che i bambini sono stati sfrattati nel settembre 2019, che sindaco e giunta si erano impegnati a farli rientrare nella nuova scuola nell’anno successivo, cosa mai successa, e che oggi ancora una volta dobbiamo registrare l’ennesimo posticipo nella realizzazione di opera pubblica. Non crediamo di essere troppo severi se rileviamo che non solo sono incoerenti rispetto ai loro stessi proclami, ma che non sono assolutamente in grado di portare a compimento le opere pubbliche per le quali hanno addirittura speso decine di migliaia di euro nel mega-screen in viale Ceccarini in cui si susseguono, ormai stanchi e logori, rendering che rimangono negli occhi dei riccionesi solo sotto forma di promessa non mantenuta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova scuola di via Catullo a Riccione, il Pd: "Non sarà pronta per il nuovo anno scolastico"

RiminiToday è in caricamento