Nuovi ticket, Lusenti: "Ancora nulla di deciso dalla Regione"

"Al momento - ha ribadito l'assessore - si conferma la completa disponibilità all'illustrazione e al confronto in commissione assembleare competente prima di ogni decisione di merito"

La Regione discute con le parti sociali dell’entrata in vigore di nuove modalità di calcolo dei sovraticket in sanità, ma il provvedimento di cui si legge sui giornali sarà oggetto di un’illustrazione e un confronto in Assemblea legislativa? E quando succederà? A chiederlo è Silvia Noè, capogruppo dell’Udc, che ha rivolto un’interrogazione alla Giunta a risposta immediata sul tema, rivendicando la volontà di intervenire come “parte attiva” sull'argomento e non per una semplice ratifica di decisioni già prese.

“Non è stata assunta nessuna decisione”, ha assicurato l’assessore alle Politiche per la salute, Carlo Lusenti, definendo “infondate” le notizie sul tema riportate dalla stampa in conseguenza di “dichiarazioni del tutto soggettive”, rilasciate da qualche rappresentante che ha partecipato agli incontri con le parti sociali promosse dall’assessorato negli ultimi due mesi, un confronto per verificare la possibilità di affiancare al sistema di definizione dei sovraticket regionali ulteriori possibilità per target specifici di popolazione. "Al momento – ha quindi ribadito l’assessore - si conferma la completa disponibilità all’illustrazione e al confronto in commissione assembleare competente prima di ogni decisione di merito”.

Soddisfatta della risposta, Noè ha “colto l’occasione” per avanzare due osservazioni a vantaggio della discussione in atto. La prima in merito alla composizione delle cosiddette “parti sociali” coinvolte nelle consultazioni avviate dall’assessorato, la cui rappresentanza è formata dalle organizzazioni sindacali e dal tavolo dell’imprenditoria. La consigliera ha suggerito di allargare la composizione ad altre componenti, ad esempio ai rappresentanti delle organizzazioni familiari, per avere una "equa rappresentatività della società". Il secondo rilevo mosso dall’esponente dell’Udc riguarda la necessità di costruire un nuovo strumento per misurare la condizione economica, sia esso un nuovo Isee o un correttivo che ne apporti dei miglioramenti. Si tratta, ha precisato , di un atto che si deve fare in questa regione adottando uno strumento che consenta di superare una serie di disparità. “Sollecito la Giunta – ha detto – ad avviare una discussione che vada in tale direzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento