rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Politica Riccione

Parco Eolico, è scontro politico. Croatti (M5S): "Uniti dal ministro". Raffaelli (Lega): "Netta contrarietà"

E sulla posizione della candidata Angelini, Raffaelli dice: "Inizia questa sua corsa elettorale dovendo subire, ancora prima di essere candidata, una scelta della segreteria provinciale del Pd riminese"

Prosegue il dibattito relativo al Parco Eolico nell'Adriatico. E mentre il senatore Marco Croatti (Movimento 5 Stelle) chiede un cambio di marcia per avviare i progetti, dalla Lega arriva una forte posizione di contrarietà. Croatti riferisce di un incontro tenuto in sede ministeriale per fare il punto sull'offshore e spiega: "Positivo l’incontro organizzato per discutere del progetto eolico offshore al largo di Rimini e che ha visto coinvolti gli enti locali costieri della nostra provincia. La Provincia e tutti i comuni hanno risposto positivamente al mio invito, segno della grande attenzione che il territorio e le amministrazioni locali rivolgono all’interesse della comunità per la transizione energetica. Nonostante le differenze di colore politico e le diverse sensibilità espresse è emersa la comune volontà di approfondire il tema ma soprattutto è forte la richiesta di essere coinvolti attivamente. Riunione organizzata con l’obiettivo di far partire un confronto costruttivo e tentare di portare, insieme ai comuni costieri riminesi, una posizione unitaria in un prossimo incontro con il ministro della transizione ecologica Cingolani".

Ma ad assuemere una posizione di netta contrarietà è la Lega, con un commento dell'assessore-parlamentare di Riccione Elena Raffaelli: "Ribadiamo la nostra ferma contrarietà al progetto del Parco Eolico. Dal punto di vista ambientale, paesaggistico ed economico sarebbe la rovina di un patrimonio. Ricordo a chi se ne fosse dimenticato che la nostra economia nasce dal mare, il mare è la nostra ricchezza e pertanto condividiamo tutte le preoccupazioni espresse dalle associazioni di categoria, dalle diverse filiere produttive legate al sistema turistico oltre che agli studi scientifici universitari sulla fattibilità dell'eolico nell'Adriatico legato alla velocità media del vento".

E aggiunge: "Oggi servono l’orgoglio e il coraggio di difendere il principale motore dell’economia della nostra comunità riccionese e la Lega ha votato in Consiglio comunale un ordine del giorno, approvato all’unanimità contro la realizzazione del parco. Infine non ci stupisce nemmeno la posizione favorevole espressa della candidata sindaco delle sinistre Angelini che inizia questa sua corsa elettorale dovendo subire, ancora prima di essere candidata, una scelta della segreteria provinciale del Pd riminese. Un indirizzo politico di partito che tuttavia sarà dannoso per tutti i riccionesi; ci sembra di rivivere i momenti del Trc quando il Pd riminese impose al Pd di Riccione un’ opera costosa, invasiva e purtroppo inutile che in due anni ha prodotto solo risultati molto negativi in termini di utilizzo e presenze”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Eolico, è scontro politico. Croatti (M5S): "Uniti dal ministro". Raffaelli (Lega): "Netta contrarietà"

RiminiToday è in caricamento