Parco eolico, Più Europa: "Sì, ma l'obiettivo sia una comunità energetica riminese"

"Ben venga una proposta che potrebbe portare la produzione di energia rinnovabile al 50% del fabbisogno provinciale, ma chiediamo che si osservi lo sviluppo potenziale che l’opera consentirebbe sul territorio in maniera diretta"

Più Europa Rimini è favorevole a tutte le politiche che vanno verso la transizione energetica e interviene sul tema del parco eolico. "Gli investimenti green devono essere il volano per il rilancio delle economie europee - spiega il coordinatore William Ottaviano - Il rapporto annuale sugli investimenti energetici ci mette in guardia rispetto al calo che la crisi ha inferto non solo ai comparti delle energie fossili, ma anche agli investimenti nei settori “verdi” come generazione elettrica da fonti rinnovabili e infrastrutture connesse. In Italia, che già vive una situazione di stallo politico, pesa la grande difficoltà di autorizzare nuovi siti di generazione elettrica da fonti rinnovabili, un po’ per la farraginosità amministrativa, un po’ per diffidenza. Quindi ben venga una proposta che potrebbe portare la produzione di energia rinnovabile al 50% del fabbisogno provinciale, ma chiediamo che si osservi lo sviluppo potenziale che l’opera consentirebbe sul territorio in maniera diretta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non è dignitoso ridurre il dibattito a un sì incondizionato contro i no di coloro che, in maniera semplicistica, esauriscono la questione con una mera motivazione estetica - continua Ottaviano - Come espresso nel progetto, le linee guida e i criteri ambientali utilizzati sono quelli di altri paesi europei, che al contrario dell’Italia hanno avuto la serietà e la prontezza nel recepire e convertire in legge la Direttiva Comunitaria 89/2014/UE. Questa, infatti, ha l’obiettivo di dotare gli Stati UE di Piani di Gestione dello Spazio Marittimo, quindi di realizzare studi approfonditi sugli impatti ambientali e il potenziale economico di ogni attività da realizzarsi al di là della battigia, con l'obiettivo di redigere piani regolatori che rispettino il principio di Sostenibilità. Ad oggi nel nostro paese non esistono forti vincoli legali sull’inquinamento paesaggistico causato da installazioni sul pelo della superficie marina. Vogliamo dati, vogliamo studi approfonditi non solo questioni estetiche. I cittadini devono “Conoscere per deliberare” come diceva Luigi Einaudi, e non subire la demagogia di qualche sindaco. Ogni azione dell'uomo muta in maniera quasi irreversibile il paesaggio che lo circonda è per questo che proponiamo, a fronte di un mutamento legato alle istallazioni delle pale eoliche offshore, la creazione della comunità energetica riminese. Sulla base dell'esperienza maturata in altre realtà europee, Germania in primis, vorremmo rilanciare questo modello di sviluppo locale e democratico anche sul nostro territorio, con possibilità di valorizzare le aree maggiormente periferiche sia nel tessuto cittadino che provinciale, ad esempio Valmarecchia e Valconca. Chiediamo collaborazione politica e intelligenza nella speranza che si arrivi a una scelta razionale per i cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

  • Si tuffa con gli amici ma non riemerge: dopo due giorni di agonia muore un ragazzo di 19 anni

  • Coronavirus, 7 nuovi casi nel riminese: quattro rientrati dall'estero

Torna su
RiminiToday è in caricamento