Pecci: "Le polemiche sui giovani e la movida non sono giustificate: questo è il nuovo fascismo"

Il capogruppo della Lega in consiglio comunale: "Sbagliato il trend politico che vede nel ventenne con la birra o lo “spritz” in mano il nuovo nemico principale"

Dopo gli attacchi sulla movida incontrollata, che anche a Rimini hanno portato a decine di multe per gli assembramenti nel primo fine settimana di sblocco, ad intervenire è il capogruppo della Lega in consiglio comunale Marzio Pecci che spiega come "le polemiche sui giovani non sono giustificate. Appare evidente la strategia della manipolazione di massa che il Governo sta perseguendo perché nessuna responsabilità può essere imputata ai cittadini: non sono loro i responsabili delle decisioni". L'esponente del carroccio riminese ricorda le parole del premier Conte (“Non è tempo di movida”) ma anche quelle dell'assessore Sadegholvaad che è intenzionato a far chiudere anticipatamente i locali della Vecchia Pescheria. "Ecco il trend politico - attacca Pecci - che vede nel ventenne con la birra o lo “spritz” in mano il nuovo nemico principale, l'untore del Covid19. I nostri governanti, a tutti i livelli,  si sono ubriacati di quello stesso autoritarismo, che la generazione degli attuali settantenni aveva cancellato con le lotte studentesche del ’68. Poche settimane fa abbiamo detto che si stanno manifestando i nuovi fascismi, che non sono quelli dell’orbace o del “fez”, ma quelli delle “ordinanze” contingenti ed urgenti e dei DCPM, dei dictat di ciascun ministro, viceministro, capetto, che hanno sovvertito la gerarchia delle fonti".

"Dopo mesi di provvedimenti che hanno distrutto le persone e l’economia - prosegue Pecci - occorre dire “basta” soprattutto contro chi urla per il rispetto di norme varate in violazione di ogni diritto costituzionale. Non è accettabile una ordinanza contro i giovani che sono stati gli  unici a non arrendersi alla paura che il governo ci ha inflitto in questi ultimi tre mesi e che sono tornati alla normalità facendo rivivere le città e permettendo ad alcune attività di riprendersi prima del fallimento. Non è accettabile sentire Sindaco ed assessore a lanciare i proclami: "non faremo sconti", faremo più controlli! Ma quali sconti, quali controlli può fare una politica che ha gestito una emergenza sanitaria ed una emergenza economica da perfetti dilettanti, ignorando le regole più semplici, con un florilegio di incompetenze ed inadeguatezze di cui solo i posteri potranno far giustizia? Invece di sollecitare sanzioni contro tutto e contro tutti sarebbe bene che l’amministrazione comunale cominciasse pensare ai giovani che, in questi anni, sono stati abbandonati a loro stessi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’insipienza, l'ignoranza e la incapacità a gestire l’emergenza - conclude il leghista - sono un contagio politico e sociale ben più pericoloso del Covid19 e quindi bisogna fermarlo ad ogni costo. Allora chiediamo agli ubriachi di potere, ai nuovi “ducetti”: quale programmazione ha in serbo l'Amministrazione comunale per i giovani? Quali strategie, quali politiche vuole approvare per far crescere i giovani riminesi? Con assai poca lungimiranza l’amministrazione comunale ha dato ai giovani la Molo street, la Notte Rosa, la Movida ed ora si lamenta di ciò che ha creato, passando il tempo a minacciare chiusure e sanzioni. Ma anziché utilizzare la minaccia giovanile come ennesima arma di distrazione di massa, sarebbe bene che gli amministratori si occupassero di loro e del loro futuro, così gravemente penalizzato nel dopo Covid 19, al pari delle imprese e dei professionisti, tutti in fortissima sofferenza. Sono i giovani che, già pregiudicati dal forzato deficit di formazione e istruzione, faranno ancora più fatica a trovare un lavoro, perché il prossimo autunno sappiamo bene che l’occupazione sarà ancora più in calo, visto che i provvedimenti sinora assunti vanno solo nella direzione dell’assistenzialismo e non in quella degli investimenti. Una amministrazione responsabile ha il dovere di rinunciare alla repressione e pensare a dare una risposta educativa ai giovani, perché loro sono il nostro futuro e la nostra unica risorsa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • La Guardia di finanza scopre una "furbetta" del reddito di cittadinanza: denunciata una 60enne

  • Stop ai voli, discoteche e mascherine: le novità del nuovo decreto

  • Il marchio Cocoricò torna sotto la piramide: ad acquistare il brand Enrico Galli

  • Si tuffa con gli amici ma non riemerge: dopo due giorni di agonia muore un ragazzo di 19 anni

  • Medico ubriaco sul monopattino va a sbattere contro l'ambulanza

Torna su
RiminiToday è in caricamento