menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Petitti: "Agricoltura argine al dissesto idrogeologico e al consumo edilizio"

Molti, dal livello locale a quello europeo, i temi toccati, dalla nuova politica agricola comunitaria al ruolo dei Consorzi di bonifica e degli agricoltori per l'economia locale, all'atteso completamento del Canale Emiliano-Romagnolo.

Doppio appuntamento mercoledì in Valconca e a Bellaria con Paolo De Castro, già presidente della Commissione agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo, candidato alle elezioni europee di domenica prossima. Molti, dal livello locale a quello europeo, i temi toccati, dalla nuova politica agricola comunitaria al ruolo dei Consorzi di bonifica e degli agricoltori per l'economia locale, all'atteso completamento del Canale Emiliano-Romagnolo.

A San Clemente De Castro ha partecipato all'incontro pubblico sul tema "L'impresa agricola ed agroalimentare il Valconca e le politiche agricole comunitarie", insieme agli amministratori locali, i rappresentanti del settore agricolo, il deputato PD riminese Emma Petitti, membro della commissione Attività produttive della Camera, e il segretario provinciale PD Rimini Juri Magrini. A Bellaria l'incontro si è invece concentrato su "Il Cer arriva a Rimini - Le politiche agricole comunitarie e le prospettive delle bonifiche", con le associazioni agricole, Gabriele Morelli candidato sindaco di Bellaria per il centrosinistra, Massimiliano Pederzoli, presidente dell'Unione regionale dei consorzi di bonifica, Paolo Mannini, direttore del Canale emiliano-romagnolo, Magrini e Petitti.

"Nell’accogliere De Castro nella nostra Provincia abbiamo voluto scegliere due luoghi con un forte valore simbolico: la Ghigi in Valconca e la campagna bellariese in cui passa il Canale Emiliano Romagnolo - evidenzia Petitti -. Da una parte quindi la produzione locale grazie al grano e all’agricoltura di qualità, e dall’altra l’acqua indispensabile alle colture. La nostra agricoltura è un argine al dissesto idrogeologico e al consumo edilizio di territorio, e il turismo enogastronomico è uno dei settori che più di altri stanno chiamando turismo estero. La nuova politica agricola comunitaria sarà strategica assieme al piano di sviluppo rurale del nostro Paese".

"Il sistema agroalimentare - conclude la deputata riminese - rappresenta il 17% del PIL italiano e questo è l’unico settore che ha creato condizioni di lavoro per i giovani: dobbiamo sostenere chi sceglie di fare veramente agricoltura. Ci avviciniamo da Luglio al semestre europeo a guida italiana e alla grande opportunità che rappresenta l’Expo 2015. Ecco perché abbiamo bisogno di De Castro a Bruxelles da riconfermare per poter proseguire il lavoro che il PD sta facendo grazie anche all’impegno del ministro Martina nel governo Renzi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Amigurumi, l'unicinetto che decora la casa

social

Zuppa inglese: origini, 2 ricette e varianti golose

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento