Piano di salvaguardia della balneazione, via libera al finanziamento tramite la legge di stabilità

Dopo la visita del sottosegretario all'ambiente Silvia Velo a Rimini, lo scorso 4 aprile, sono proseguite presso il ministero stesso alcune verifiche sullo stato di avanzamento dei finanziamenti per il Piano della salvaguardia della balneazione ottimizzato

Dopo la visita del sottosegretario all'ambiente Silvia Velo a Rimini, lo scorso 4 aprile, sono proseguite presso il ministero stesso alcune verifiche sullo stato di avanzamento dei finanziamenti per il Piano della salvaguardia della balneazione ottimizzato. "Il potenziamento del sistema di depurazione a tutela della balneabilità del nostro mare è stato confermato come priorità dal Ministero, così come aveva riconosciuto il sottosegretario Velo in occasione della sua visita - riferisce il deputato Pd Emma Petitti -. Dopo aver condiviso gli strumenti finora attivati, il sottosegretario ha dato totale disponibilità ad approfondire gli approcci tecnici e le soluzioni con la direzione generale Tutela del territorio e delle risorse idriche e con la segreteria tecnica del Ministero".

“Di conseguenza - continua Petitti -, per quanto riguarda i finanziamenti il Piano della salvaguardia della balneazione ottimizzato ha le carte in regola per essere cofinanziato dai fondi previsti dal comma 112 della legge di stabilità 2014. Si tratta di 90 milioni di euro per un Piano straordinario di tutela e gestione della risorsa idrica per le 15 regioni del centro nord da assegnare attraverso la stipula di uno o più accordi di programma con gli enti territoriali e locali interessati". L’iter di assegnazione è già in corso, specifica la parlamentare. "La proposta di ripartizione al momento assegna alla regione Emilia-Romagna 9 milioni di Euro, il 10% dell’intero stanziamento statale”.

“In considerazione del volume degli investimenti previsti dal Piano della salvaguardia della balneazione ottimizzato - conclude Petitti - è però necessario individuare ulteriori opportunità di finanziamento, come il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione che per il periodo di programmazione 2014-2020 avrà una dotazione di oltre 54 miliardi di euro per sostenere interventi per lo sviluppo anche di natura ambientale, per il finanziamento degli interventi di messa in sicurezza del territorio, di bonifica di siti d'interesse nazionale e di altri interventi in materia di politiche ambientali. La prossima programmazione dei fondi Sviluppo e Coesione, su proposta della Regione, dovrà quindi ricomprendere altri interventi previsti nel piano per la salvaguardia della balneazione di Rimini. Il semestre europeo presieduto dall'Italia ci permetterà di lavorare con maggior forza sulle due priorità della difesa della costa e della salvaguardia del mare, con progetti speciali per le macro regioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento