Piazzale a mare San Martino, il punto sulla ristrutturazione

L’Assessore alle infrastrutture pubbliche, edilizia privata e qualità urbana Maurizio Pruccoli fa il punto sulla ristrutturazione in superficie del piazzale a mare San Martino

L’Assessore alle infrastrutture pubbliche, edilizia privata e qualità urbana Maurizio Pruccoli fa il punto sulla ristrutturazione in superficie del piazzale a mare San Martino, rispondendo all’interpellanza dei consiglieri Stelio Bossoli (PS) Luciano Tirincanti (PDL) e Giovanni Bezzi (Lista Civica-Lega Nord). Pruccoli chiarisce che "il progetto preliminare presentato in sede di gara ha subito alcune modifiche in fase di elaborazione del progetto definitivo e successivamente esecutivo, per quanto riguarda la sistemazione superficiale, in quanto doveva avere una continuità rispetto ai percorsi e materiali proposti nell’adiacente parcheggio multipiano sul Lungomare della Repubblica anch’esso oggetto di appalto con project financing".

"Quindi mancando la continuazione della strada carrabile proveniente da sud in adiacenza agli alberghi prevista nel progetto preliminare, si è pensato di mantenere esclusivamente i parcheggi sul fronte dell’Hotel Sarti in quanto usufruibili dalla rotatoria posta vicino all’ingresso - aggiunge l'assessore -. Tutto questo mantenendo gli standard a parcheggi previsti dalla convenzione in cessione al Comune ed andando a creare degli spazi a verde gradevoli sul fronte dell’Hotel Baltic, in accordo con gli operatori della zona a cui il progetto è stato più volte illustrato".

"Quello di qualificare il progetto dello Studio Thesis come brutto e anomalo rispetto al sito, si può configurare come una rappresentazione soggettiva, in quanto non risultano alcune lamentele da parte dei cittadini e dei turisti, che per altro invece hanno sempre valutato l’opera in modo positivo", rimarca Pruccoli. In merito alle proposte progettuali, Pruccoli spiega che "la pista ciclabile non può essere spostata in adiacenza alla rotatoria, in quanto si andrebbe a chiudere parte della aerazione naturale del parcheggio interrato e si andrebbe a ridurre notevolmente la funzionalità della rotatoria".

"La trasformazione a verde di parte dei parcheggi andrebbe a diminuire la quota che la ditta doveva cedere per convenzione, inoltre ogni trasformazione che interessa scavi sul parcheggio andrebbe a fare decadere la polizza che ci tutela in caso di infiltrazioni o rotture - aggiunge ancora l'assessore -. Le interferenze in presenza di grosse manifestazioni è stata riscontrata solo in occasione del Festival del Sole (ogni due anni) in cui ogni spazio era occupato da strutture, compreso lo spazio in cui si vuol far passare la pista ciclabile". Conclude l'assessore spiegando che "il costo valutato in 10mila euro sia sottostimato rispetto alle effettive spese da sostenere per l’effettuazione degli interventi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento