Fertility Day, il vicesindaco Lisi critica l'iniziativa: "Goffa e inadeguata"

Si unisce al coro delle proteste il vicesindaco con delega alla protezione sociale del Comune di Rimini, Gloria Lisi

Tocca anche Rimini la polemica sul Fertility Day, l'iniziativa voluta dal ministero della Salute per promuovere una giornata nazionale di informazione su maternità e paternità. Tuttavia le immagini e gli slogan scelti per lanciare l'evento, in programma il 22 settembre, stanno suscitando un'ondata di polemiche che sono esplose in poche ore sui social network. Gli slogan contestati sono "La bellezza non ha età, la fertilità sì" (con tanto di clessidra raffigurata); "Datti una mossa! Non aspettare la cicogna", oppure "Genitori giovani. Il modo migliore per essere creativi" e "La fertilità è un bene comune".

Si unisce al coro delle proteste il vicesindaco con delega alla protezione sociale del Comune di Rimini, Gloria Lisi: "Una cosa è sicura, se l'obiettivo della campagna sul “Fertility day” per informare le donne sui problemi legati alla fertilità era quella di creare attenzione, è stato certamente raggiunto; peccato però si tratti, in grande parte, di attenzione critica che porta ad un giudizio negativo. Personalmente, e come amministratore, non posso che essere anch’io fra i detrattori di questa iniziativa che, nel migliore dei casi, si è rivelata goffa e inadeguata, nel peggiore offensiva. Sicuramente non prende in considerazione una variabile fondamentale che un Ministro dovrebbe conoscere meglio di tutti noi; quello della terribile crisi economica, sociale e lavorativa in cui tutti noi stiamo ancora navigando. Di questa crisi chi ha pagato il prezzo più alto sono proprio le donne, che invece nella campagna sembrano essere additate come colpevoli del calo demografico italiano. Oltre alla crisi, inoltre, in Italia si sconta un'assenza storica di servizi di supporto alla genitorialità, quasi totalmente delegati alle famiglie e alla rete parentale.

"Fare o non fare figli in Italia, oggi, non è più una libera scelta perché dipende se ho un lavoro e no, dipende se ho una rete parentale vicina in grado di supportarmi, dipende se ho dei servizi pubblici (perlopiù locali, dunque a macchia di leopardo) in grado di aiutarmi a crescerlo ed accudirlo, custodirlo, dipende se posso usufruire di agevolazioni o semplicemente di orari di lavoro flessibili, in grado di conciliare famiglia e lavoro - prosegue il vicesindaco -. Su questi temi, cruciali, l'Italia è tra gli ultimi posti in Europa. Ci riempiamo la bocca della famiglia, il tema diventa centrale ad ogni campagna elettorale, ma arrivati al dunque siamo il paese con meno servizi e flessibilità a favore delle famiglie e delle donne che lavorano. Tutto questo, che in un paese normale sarebbero diritti, da noi non lo sono. Fare figli, allora, diventa tragicamente complicato. Farne uno in più un terno al lotto".

"Un paese che non sostiene chi fa figli è un paese destinato al declino, lì sono le responsabilità, non nelle coppie - continua -. Anzi, anche contro ogni logica economica, sono ancora tante le coppie che anche provandoci, non riescono a diventare genitori per motivi altri rispetto a quelli culturali. Per loro, in particolare, risulta particolarmente sgradevole questa campagna di informazione, che non coglie nel segno e discrimina. Se lo Stato latita, gli Enti locali sono abbandonati a loro stessi. Il Comune di Rimini sta facendo però la sua parte, perché la famiglia al centro non può essere uno slogan ma deve essere declinato in servizi concreti. Abbiamo fatto e stiamo facendo tanto, anche se tanto servirebbe e tanto rimane da fare. Il Centro per le famiglie, per esempio, dove anche nel 2015 sono state accolte 3.500 famiglie, con più di 500 consulenze attivate. Le presenze nei corsi e nei laboratori attivati anche in altri ambiti, come quello ospedaliero o nei quartieri supera quota 1.600".

"Ma non solo - prosegue Lisi -. Uscendo dai muri di piazzetta dei Servi, sono oltre 300 ogni anno i minori seguiti con assistenza educativa, supporto in famiglia, inserimento in strutture, o trasporto sociale, circa 2 mila quelli a cui viene dato supporto pomeridiano per compiti e istruzione; 87 i nuclei famigliari numerosi (per un totale di 372 figli a carico) a beneficiare dei sussidi a favore delle famiglie numerose, come sono considerate quelle con quattro o più figli (circa 260 quelle residenti a Rimini). Oppure il progetto “Family card”, per acquistare beni di consumo con sconti riservati a famiglie in difficoltà, che anche nel 2015 ha dato supporto concreto a circa 200 famiglie.

"Il diritto allo studio, stampella fondamentale per tante famiglie in difficoltà, a cui il Comune di Rimini copre l'80% della retta. Nel 2015, complessivamente, il costo annuo complessivo del sostegno scolastico di bambini e ragazzi svantaggiati, a carico del bilancio comunale, ha sfiorato i 3.5 milioni di euro, con i quali abbiamo anche coperto servizi prima seguiti dalla Provincia di Rimini e che sarebbero decaduti, come purtroppo in altre realtà anche a noi vicine", prosegue il vicesindaco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ce ne sarebbero altri ma mi fermo qui; il messaggio è chiaro, questi sono servizi (migliorabili e ampliabili, sempre) concreti che supportano famiglie e danno una mano, vera, ai genitori. Le chiacchiere invece discriminano e creano ulteriori tensioni. Spero che dal Governo ci arrivino nei prossimi mesi meno brochure o cartoline come quelle del “Fertility day” e più risorse e servizi per le famiglie; sarebbe questo l'unico volano oggi necessario per rendere meno pesante la quotidianità di tante famiglie e meno utopistico il sogno, purtroppo per tanti non ancora realizzato, di mettere al mondo dei figli senza per questo perdere il lavoro o cadere in miseria", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento