Popolo della Famiglia: "Su vaccini obbligatori assurda presa di posizione del Comune"

De Carli: "Le famiglie no vax vanno tutelate nel loro libero diritto di scelta di quali terapie applicare ai propri figli"

Il Popolo della Famiglia del collegio elettorale Nord Est esprime la propria contrarietà rispetto alla decisione del Comune di Rimini di presentare alla Procura della Repubblica una denuncia nei confronti di alcune famiglie che si battono per la libertà vaccinale. Mirco De Carli, candidato capolista alle prossime elezioni europee del PdF e coordinatore per l’Alta Italia, ha spiegato: "E’ inimmaginabile che un Comune si faccia parte in causa nei confronti di famiglie che non ottemperano all’obbligo della legge Lorenzin sulle vaccinazioni. Come Popolo della Famiglia abbiamo la responsabilità di rappresentare, non solo in questa campagna elettorale delle elezioni Europee, la libertà di scelta terapeutica delle famiglie, così come determinata dall’art 32 della Costituzione della Repubblica italiana “… Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”". De Carli ha concluso affermando che "queste famiglie vanno tutelate nel loro libero diritto di scelta di quali terapie applicare ai propri figli, ed essendo contrari a quest’obbligo, ci batteremo sempre per difendere la libertà di questi genitori. Nella ricorrenza del 25 aprile, a Rimini si sono volute colpire le persone libere che credono in tutti i valori della carta costituzionale, anche nell'art.23".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il virologo Burioni loda il sindaco di Rimini

Sull'argomento è intervenuto anche Luca Teodori, segretario politico del Movimento 3V Vaccini Vogliamo Verità. "Esprimiamo piena e totale solidarietà politica alle famiglie - dichiara. - Solidarietà politica perché il problema è politico e la via per risolverlo è politica. Siamo ben consapevoli che dalle multe si passerà a ricorsi ed avvocati: questo è l’ovvio percorso di tutela dei diritti violati, ma la conservazione dei diritti di scelta per la salute e dell’accesso all’istruzione si persegue politicamente. La scelta di imporre l’obbligo, delle esclusioni, di prevedere multe è stata politica, da parte di PD, Forza Italia, Fratelli d’Italia e LeU. La scelta da parte di 5 Stelle e Lega di mantenere tali disposizioni è politica. Le forze dell’ordine negano l’accesso agli asili: ma di quale partito è il ministro dell’interno? I dirigenti scolastici eseguono le esclusioni: ma di quale partito è il ministro dell’istruzione? Non si eseguono studi di confronto tra vaccinati e non vaccinati, l’anagrafe vaccinale in molte regioni è assente, la farmacovigilanza attiva dei danni da vaccino non viene realizzata: ma di quale partito è il ministro della salute? L’obbiettivo di fondo di tutti i partiti è che ogni persona, nessuna esclusa, si sottoponga ad almeno una vaccinazione. L’eliminazione di tutti i non vaccinati è lo scopo politico finale, così da non avere una popolazione di individui non vaccinati da confrontare con gli individui che si vaccinano. Che ci piaccia o no, i disagi delle famiglie di Rimini e di tante altre in tutta Italia possono essere risolti solo politicamente. In mancanza di qualsiasi forza politica intenzionata a risolverli, abbiamo reso politica la nostra forza di genitori e di cittadini liberi, costituendo il Movimento 3V Vaccini Vogliamo Verità, per affrontare e il problema alla radice sullo stesso piano su cui è stato creato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento