Politica

Pre e dopo scuola, la Lega all'attacco del "sistema" Santarcangelo

Secondo i responsabili del Carroccio, una famiglia con due minori verrebbe a pagare 680 euro al mese per i due servizi

Per la Lega Nord le tariffe del pre e dopo scuola varate dal Comune di Santarcangelo in vista del prossimo anno accademico sono “eccessive”. Il segretario provinciale Bruno Galli e il responsabile cittadino del Carroccio, Fabio Bertozzi, criticano i “criteri a monte di questa politica. L’Amministrazione Parma ha calibrato le rette per la fruizione del servizio scolastico in base al reddito di ogni nucleo famigliare – spiega Bertozzi – obbligando di fatto ciascun genitore a recarsi dal proprio consulente fiscale per la compilazione del modello ISEE, con conseguente perdita di tempo e denaro, pena il pagamento della tariffa massima di 180 €”. “Ma non finisce qui – attacca Galli. – Chi volesse usufruire sia del pre che del dopo scuola paga doppio”.

La tariffazione comunale (da un minino di 120 a un massimo di 180 euro ad alunno) prevede infatti doppia retta per la fruizione di entrambi i servizi. “In buona sostanza un nucleo famigliare con due minori andrebbe a staccare un ‘assegno’ di circa 680 euro. Una cifra che non tutti si possono permettere e che mette a dura prova tutti quei genitori che per motivi di lavoro piuttosto che di tempo avrebbero necessità di una copertura extra-scolastica”. Infine l’attacco dei due leghisti al Sindaco Alice Parma che, “conoscendo le difficoltà economiche in cui versano molte famiglie santarcangiolesi, avrebbe dovuto stanziare nel bilancio di previsione per il 2017 risorse adeguate a copertura di questo servizio. Cosa che non ha neppure valutato poiché evidentemente per questa maggioranza le priorità sono altre”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pre e dopo scuola, la Lega all'attacco del "sistema" Santarcangelo

RiminiToday è in caricamento