Primo giorno di scuola, il sindaco Gnassi saluta gli studenti

Così Andrea Gnassi: "Ci è sembrato bello, ma anche doveroso da parte di un'Amministrazione comunale appena insediata come la nostra" augurare buon anno scolastico agli studenti

“Ci è sembrato bello, ma anche doveroso da parte di un’Amministrazione comunale appena insediata come la nostra” augurare buon anno scolastico agli studenti. Il primo cittadino di Rimini Andrea Gnassi, insieme al vicesindaco e assessore all’Istruzione Gloria Lisi, hanno fatto visita a tre scuole riminesi. Il tour ha preso avvio dalla scuola media “Agostino di Duccio”, a Miramare. “Per tutti loro sarà l’inizio di una nuova avventura”, ha esclamato Gnassi.

Gnassi e Lisi hanno sottolineato l’importanza della famiglia, “indispensabile lungo tutto il cammino formativo dei bambini e dei ragazzi”. Il primo cittadino ha anche ricordato come i giovani siano al “centro delle nostre priorità e vogliamo che il Comune diventi sempre più la “casa comune””. Il sindaco ha invitato gli studenti a presentare le loro idee in Comune. “E’ casa vostra. Spesso le idee migliori non sono quelle dei grandi”, ha evidenziato.

L’auspicio di Gnassi e Lisi è “che la scuola possa diventare il luogo in cui i valori della cittadinanza attiva e responsabile riescano a realizzarsi e a condizionare positivamente la condotta di ogni ragazzo. Il primo cittadino e l’assessore all’istruzione hanno ringraziato i docenti “nella speranza che abbiano sempre a cuore l’educazione e la formazione degli alunni, sapendo valorizzare le capacità e le attitudini di ognuno”.

Dopo Miramare, la visita è proseguita nella scuola primaria di San Salvatore, dove i bambini hanno voluto dedicare al sindaco, non prima di averlo accolto sulle note di un inno patriottico, una poesia in rima: “Tutti i bambini di San Salvatore, al Signor Sindaco con tanto ardore, porgono un grande saluto, e un loro “grazie” per essere venuto, quassù in campagna a visitarci, e insieme a noi ad augurarci, che il nuovo anno sia lieto e sereno, brillante e allegro come l’arcobaleno!”.

Non poteva che essere l’Aquilotto la terza e ultima tappa della visita, il nido d’infanzia che questa Amministrazione ha voluto fortemente, di fronte al rischio di chiusura, mantenere aperto e che ospita 23 bambini.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento