rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Politica San Leo

Primo passo di San Leo per uscire dall’Unione di Comuni Montani “Valmarecchia”

Via libera del consiglio comunale con la maggioranza assoluta, necessari altri due passaggi in aula per l'ok definitivo

Nella seduta del Consiglio Comunale di venerdì è stato deliberato, con la maggioranza assoluta dei suoi membri, il recesso unilaterale del Comune di San Leo dall’Unione di Comuni Montani “Valmarecchia”. Non avendo ottenuto la maggioranza qualificata, prevista per tale decisione, saranno necessarie altri due deliberazioni con la stessa maggioranza assoluta. “A tal riguardo a breve convocherò una nuova riunione del Consiglio” ha dichiarato il Sindaco Bindi, affermando ”che è arrivato il momento di prendere posizione su un’Unione che si è dimostrata non rispondente alle aspettative tanto da non riuscire a realizzare le finalità di efficienza, sussidiarietà, adeguatezza ed economicità imposte dalla normativa di riferimento”. “La gestione unitaria di tutte le funzioni delegate all’Unione” ha continuato il Sindaco Bindi, “non ha raggiunto gli  obiettivi benefici in termini di miglioramento dei servizi verso l’utenza e non si è riscontrata  neppure una diminuzione dei costi”. 

Allo stesso tempo il consiglio comunale ha deliberato all'unanimità la possibilità di differire il pagamento della prima rata dell'Imu 2020 di competenza comunale, rispetto la naturale scadenza del 16 giugno. Il versamento slitta di tre mesi e precisamente al prossimo 16 settembre 2020 senza il pagamento di sanzioni ed interessi. Si tratta di un rinvio automatico e non sarà necessario presentare alcun tipo di documentazione. Si è dato così seguito al via libera del Ministero dell’Economia e delle Finanze alla proroga, dopo il chiarimento dello scorso 8 giugno, che ha dato la possibilità, per i Comuni, di differire autonomamente i termini di versamento dei tributi locali di propria competenza. Si specifica inoltre che il limite di applicazione della proroga è che il Comune può disporla solo per quanto riguarda la quota IMU di propria competenza, mentre non viene rinviata la scadenza per quello che riguarda il pagamento dell’acconto sugli immobili di categoria catastale D (destinazione produttiva) di competenza statale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo passo di San Leo per uscire dall’Unione di Comuni Montani “Valmarecchia”

RiminiToday è in caricamento