Provincia unica, monito del Riminese: "Tutelateci e non decidete da soli"

I sindaci del territorio riminese, assieme al presidente della Provincia di Rimini, sollecitano il Governo ad avere un occhio di riguardo nei confronti della provincia rivierasca nell'ambito del riordino di Comuni e Province

I sindaci della Provincia di Rimini si appellano al Governo Monti affinchè faccia chiarezza sugli orientamenti che intende assumere sulla riforma degli enti locali. A spaventare, come si è visto nei giorni scorsi, è l'ipotesi di una aggregazione della Provincia di Rimini con le altre realtà romagnole.

Per questo i sindaci, giudati dal presidente della Provincia, Stefano Vitali, chiedono che "vengano tutelate le peculiarità e gli sforzi fatti dal territorio riminese (anche e soprattutto in termini di risorse finanziarie pubbliche e private sin qui investite) per infrastrutturare e ammodernare un tessuto socioeconomico di particolare delicatezza e centralità in ambito nazionale".

"La fase economica in cui versa il nostro Paese, tra le più drammatiche della sua storia, impone - osservano gli amministratori - a chi ha la responsabilità della cosa pubblica a ogni livello un ancor più elevato senso di coerenza e impegno a favore non tanto o non solo di un Governo ma dell’interesse della collettività e dei cittadini".

"Per questo, e nonostante l’evidente, inadeguata considerazione dello Stato centrale circa il ruolo e la funzione dell’Ente locale in ogni progetto di ripresa del sistema Paese - affermano -, garantiremo la nostra leale collaborazione e offriremo un contributo di idee positivo e costruttivo alle proposte governative in materia di contenimento della spesa e di riordino istituzionale (comprese le scelte in corso sulle Province italiane)".

"L’autosufficienza - proseguono gli amministratori riminesi - nella realizzazione delle necessarie infrastrutture a sostegno della tenuta e della competitività al quale è stato obbligato per sua natura, vocazione e ambizione il nostro territorio negli ultimi 20 anni da politiche nazionali pressoché assenti in materia di investimenti strategici, ha richiesto alle nostre comunità sacrifici consistenti che ora non possono essere dispersi ma semmai fungere da leva per un nuovo, necessario processo di rilancio".

"In considerazione di tutto ciò - sollecitano i sindaci e il presidente della Provincia -, auspichiamo che la discussione che dovrà precedere, dettagliare e definire le indicazioni in materia di riordino istituzionale, possa vedere coinvolti direttamente la Regione, i territori e le componenti socioeconomiche di riferimento, in modo da non lasciare alla sola componente politica- distante e vicina- l’onere e l’onore di una scelta che avrà conseguenze vere sul futuro delle nostre comunità".

Appello sottoscritto da:
Enzo Ceccarelli, sindaco del Comune di Bellaria Igea Marina; Mario Fortini, sindaco del Comune di Casteldelci; Piero Cecchini, sindaco di Cattolica; Domenica Spinelli, sindaco del Comune di Coriano; Marcello Fattori, sindaco del Comune di Maiolo; Stefano Giannini, sindaco del Comune di Misano Adriatico; Fabio Forlani, sindaco del Comune di Mondaino; Eugenio Fiorini, sindaco del Comune di Monte Colombo; Vallì Cipriani, sindaco del Comune di Montefiore Conca; Nadia Fraternali,sindaco del Comune di Montegridolfo; Ruggero Gozzi, sindaco di Montescudo; Claudio Battazza, sindaco del Comune di Morciano di Romagna; Lorenzo Marani, sindaco del Comune di Novafeltria; Lorenzo Valenti, sindaco del Comune di Pennabilli; Daniele Amati, sindaco del Comune di Poggio Berni; Massimo Pironi, sindaco del Comune di Riccione; Andrea Gnassi, sindaco del Comune di Rimini; Giuseppe Sanchini, sindaco del Comune di Saludecio; Christian D’Andrea, sindaco del Comune di San Clemente; Domenico Bianchi, sindaco del Comune di San Giovanni in Marignano; Mauro Guerra, sindaco del Comune di San Leo; Guglielmino Cerbara, sindaco del Comune di Sant’Agata Feltria; Mauro Morri, sindaco del Comune di Santarcangelo di Romagna; Francesca Ugolini, sindaco del Comune di Talamello; Franco Antonini, sindaco del Comune di Torriana; Giorgio Pruccoli, sindaco del Comune di Verucchio; Stefano Vitali, presidente della Provincia di Rimini

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento