Voucher, la tracciabilità all'ordine del giorno del prossimo Consiglio dei ministri

L’intervento sui voucher ha come modello la procedura già utilizzata per la tracciabilità del lavoro intermittente

Sarà al'ordine del giorno del prossimo cConsiglio dei ministri il primo decreto legislativo correttivo del Jobs act, che contiene in particolare la tracciabilità dei voucher. "Il decreto ha già avuto il via libera dalla riunione del preconsiglio nei giorni scorsi, e il Consiglio ha ritenuto di dover approfondire osservazioni puntuali su aspetti del provvedimento arrivate da alcuni ministeri, che non è stato possibile affrontare per tempo", riferisce il deputato Pd riminese Tiziano Arlotti, più volte intervenuto con interrogazioni contro l’abuso dei buoni lavoro.  

L’intervento sui voucher ha come modello la procedura già utilizzata per la tracciabilità del lavoro intermittente, spiega Arlotti: "Il committente dovrà comunicare all’Ispettorato nazionale del lavoro entro 60 minuti dall’utilizzo, con sms o posta elettronica, i dati anagrafici, codice fiscale, luogo e data della prestazione. In caso di violazione è prevista una sanzione amministrativa da 400 a 2.400 euro per ciascun lavoratore. Precedentemente la comunicazione di inizio della prestazione di lavoro accessorio era possibile nei trenta giorni successivi, cosa che lasciava spazio ad abusi. L’elemento della tracciabilità è fondamentale, ma per contrastare l’abuso di voucher occorre anche una tempestiva azione ispettiva, soprattutto in realtà come Rimini in cui è maggiore la concentrazione dei buoni per il lavoro accessorio". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rimini è infatti la terza provincia della regione per utilizzo del lavoro accessorio, con oltre 1,5 milioni di voucher venduti nell’ultimo anno (numero raddoppiato rispetto all’anno precedente), la maggioranza nei settori dei servizi, turismo e commercio e venduti per i 2/3 nelle tabaccherie. Parallelamente sono diminuite del 5,5% le assunzioni a tempo determinato nel turismo. Sono stati 14 milioni e mezzo i voucher emessi in Emilia-Romagna.  Le analisi fatte a livello nazionale dicono che il 10% dei percettori di  voucher aveva un altro rapporto di lavoro con lo stesso datore nei sei mesi precedenti.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento