Politica Riccione

Raffaelli (Lega): “Famiglia ancora al centro del nostro programma, investire sulla comunità"

La parlamentare e assessore comunale alle attività produttive: "L’amministrazione di Riccione, in questi ultimi cinque anni, ha messo a punto un approccio innovativo"

“Famiglia ancora al centro del nostro programma. Famiglia come base della società, come risorsa con un ruolo sempre più importante, come luogo degli affetti e delle relazioni intergenerazionali, fondamento del futuro della nostra comunità. Vogliamo dare risposte adeguate ai suoi componenti qualunque sia la loro età e la loro condizione. L’amministrazione di Riccione, in questi ultimi cinque anni, ha messo a punto un approccio innovativo e ha articolato i propri interventi, da quelli di aiuto immediato a quelli più diversificati di mutuo sostegno, applicando le buone pratiche della sussidiarietà orizzontale, con una miriade di azioni finanziate in collaborazione con la società civile. A guidarci una cultura basata sui principi di libertà e comunità. Una cultura che cerca di aiutare le persone a raggiungere la felicità, senza dimenticare le tante fragilità emergenti nella società attuale. Questa la strada intrapresa su cui vogliamo investire anche nel prossimo quinquennio, sostenendo, in particolare, famiglia e natalità, ma intervenendo anche su povertà e esclusione sociale, evitando, tuttavia, di imboccare la strada senza sbocchi dell’assistenzialismo”. Così in una nota la parlamentare Elena Raffaelli, assessore comunale alle attività produttive e capolista della Lega alle prossime elezioni amministrative.

“Voglio ricordare brevemente alcuni interventi - aggiunge la Raffaelli - dal ‘bonus bebé’ a ogni nuovo nato riccionese, al ’bonus asilo 0-6’ per calmierare le rette, al sostegno alle giovani coppie per affitti e mutui. Nel nostro programma rientrano poi due progetti per arricchire il patrimonio educativo e sociale della città, l’uno al Castello degli Agolanti, l’altro all’ex Mattatoio di San Lorenzo. Il primo riguarda la creazione di una sorta di Factory delle idee e della creatività dove i giovani possano trovare luoghi sicuri di socializzazione legati alle varie forme di arte e cultura. Il secondo progetto denominato ‘I.N. CON.TRA’ risponde alle molteplici esigenze di tante famiglie e alle tante nuove fragilità dei giovani post pandemia. E per tutti, ma in particolare per i meno giovani che si sentono più sicuri con una ‘sanità’ a portata di mano, la ‘Casa della Salute’, realizzata dall’Asl Romagna, che sorgerà al posto dell’ex scuola di viale Pavia, struttura concessa gratuitamente dall’attuale Giunta: un presidio facilmente accessibile per dare più risposte ai bisogni dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffaelli (Lega): “Famiglia ancora al centro del nostro programma, investire sulla comunità"
RiminiToday è in caricamento