La candidata a sindaco Vescovi incontra i riccionesi nel primo appuntamento nei quartieri

La candidata del Pd ha già le idee piuttosto chiare su quali debbano essere le prime dieci decisioni della nuova giunta

Circa 150 persone al primo incontro pubblico, lunedì al Quartiere San Lorenzo, con Sabrina Vescovi. Una serata in ascolto dei cittadini, che non hanno mancato di sottoporle diverse criticità. Dal degrado in cui sta sprofondando l'ex mattatoio, "spazio che potrebbe essere destinato ad attività culturali e sportive a beneficio di tutta Riccione", anticipa il candidato sindaco, ai problemi di viabilità che ha creato l'introduzione del divieto di transito su viale San Lorenzo. Traffico da risolvere anche su viale Veneto, ristretto dalla nuova pista ciclabile, per esempio con una bretella parallela che possa sgravare l'attraversamento di un centro abitato in cui ci sono anche numerose attività commerciali, suggeriscono diversi residenti. Ci sono poi temi che premono tutta la città, come la necessità di intervenire sulle colonie marine e sull'hotel Savioli Spiaggia, una questione non solo di decoro ma anche d'identità. Forte la richiesta di uscire dall'immobilismo che ha contraddistinto questi ultimi anni di governo.

Sabrina Vescovi ascolta e prende appunti, ma su quali debbano essere le prime dieci decisioni della nuova giunta ha già le idee piuttosto chiare. Tra queste anche il recupero di esperienze e realtà cancellate dall'amministrazione Tosi: "Riapriremo l'Arboreto Cicchetti, subito. E ricostruiremo, in un luogo idoneo, il centro di buon vicinato di via Cantù". Inevitabilmente da riesaminare la questione musica e divertimento notturno, "per trovare un corretto equilibrio che possa permettere alla città di riaccendersi", insieme al regolamento delle attività accessorie in spiaggia che ha finito per creare grande caos mettendo le categorie una contro l'altra. Ricucire quei profondi strappi nei rapporti sociali causati dal precedente governo è una missione che le sta particolarmente a cuore, ma "serve senso di responsabilità da parte di tutti". L'esempio lo ha dato il Pd, che Sabrina ha voluto ringraziare perché ripartendo dai suoi errori è stato capace di ricompattarsi buttandosi di slancio in questa nuova sfida elettorale.

Proprio questa ritrovata compattezza è stata la spinta che l'ha convinta a mettersi a disposizione della coalizione di centrosinistra come candidato sindaco: "L'affetto e la carica che ho ricevuto in questa serata - dichiara - mi rendono ancor più consapevole del valore e dell'importanza di questo impegno". All'incontro hanno partecipato tutti i rappresentanti della coalizione di centrosinistra che sostiene la candidatura di Sabrina Vescovi: Loris Castiglioni in rappresentanza di SiAmo Riccione, Francesco Cesarini portavoce della lista civica Immagina Riccione e il segretario del Pd di Riccione Marco Parmeggiani. A fare gli onori di casa Devis Paiardini, segretario del Circolo Pd di San Lorenzo. Presenti anche molti volti nuovi, interessati a capire il progetto politico per la nostra città, a conferma di un ritrovato entusiasmo. Un bel momento di confronto, franco e partecipato, a cui ne seguirà un altro in cui verrà dettagliato il programma con le risposte concrete ai temi discussi. Una formula questa della doppia tappa, un'andata e un ritorno, che si ripeterà in ogni quartiere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: come ottenere il codice per vincere fino a 5 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento