Riccione, il NCD: "Vogliamo una città più sicura e più bella"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RiminiToday

“Riccione deve coltivare un nuovo modello urbano che sintetizzi e concili sempre di più la qualità della vita dei suoi Cittadini con la sua vocazione ricettiva. Durante la sua permanenza, il turista deve sentirsi un Riccionese a tutti gli effetti. Raggiungere un elevato standard di sicurezza non significa per forza disporre ulteriori risorse economiche, ma rimodulare con più accortezza e lungimiranza gli investimenti già disponibili: alla percezione di insicurezza di molti cittadini, noi risponderemo con una presenza maggiore della Polizia Municipale lì dove fungano da deterrente per tutti quegli episodi di microcriminalità come prostituzione in strada, spaccio ecc. Al concetto di sicurezza pubblica noi abbineremo quello della sicurezza stradale e del decoro urbano, che devono essere gestiti al meglio come ogni altro servizio, perché più visibili, dai cittadini, ma anche da chi cerca appositamente situazioni di degrado. Di fondamentale importanza, quindi, sarà uniformare tutta l'azione amministrativa all'obiettivo di ottenere una città per tutti, a iniziare da chi non può oggi nemmeno spostarsi in sicurezza o raggiungere tutti i servizi di cui necessità, come anziani e disabili. Disagi che non riguardano solo alcune famiglie riccionesi, ma anche tanti ospiti della città: una città accessibile è quindi un obiettivo di tutta la comunità riccionese e occorre il massimo sforzo per l'abbattimento di tutte le barriere architettoniche che ancora esistono. Le risorse per mantenere e migliorare la nostra città ci sono già: la Legge impone che il 50% delle sanzioni al Codice della strada vengano destinate a manutenzioni e sicurezza, noi metteremo il 100%. Oltre a questo, tramite una spending review comunale, si possono recuperare risorse da convenzioni diseconomiche per il Comune, rimodulazione di affitti di beni pubblici fuori da ogni parametro di mercato, ricontrattare tutti i servizi esternalizzati e, “marchio di fabbrica" nel Nuovo Centro Destra a Riccione, l'uscita da tutte le partecipate, come Hera e Geat. Per noi #sipuòfare!"

Daniele Bartolucci e Roberto Agliuzza, candidati lista Ncd Riccione.

Torna su
RiminiToday è in caricamento