Renata Tosi: ”Castello degli Agolanti luogo di cultura e di laboratori per i bambini"

Tra gli obiettivi inseriti nel programma della candidata a sindaco di Riccione la rifunzionalizzazione della struttura

Oltre all’ex arboreto Cicchetti, area verde che verrà riconvertita con scuole di giardinaggio, di orticoltura e laboratori artigianali, tra gli obiettivi inseriti nel programma di Renata Tosi rientra a pieno titolo la rifunzionalizzazione del Castello degli Agolanti. Sarà un luogo di memoria e di cultura, ripensato per allestire servizi di socialità strutturati ed iniziative di spettacoli dedicati ai piccoli. In altre parole questo contenitore culturale diverrà il Castello dei Bambini e delle Bambine dove allestire iniziative rivolte in particolare al mondo dei più piccoli. Laboratori di narrazione e poesia, di lettura e scrittura, librerie, una sala incontri. Il Castello diverrà un luogo dove genitori, figli e nonni avranno la possibilità di accedere liberamente per giocare e apprendere in maniera divertente, insieme o da soli, scegliendo le attività a loro più congeniali, oltre ad essere luogo di trasferimento dei saperi tra persone anziane e nuove generazioni. Sarà uno spazio per i bambini dove interagire con altri bambini, una ‘ludoteca’ in un contenitore d’eccezione quale è il Castello degli Agolanti. Questo il progetto di Renata Tosi, che si candida alla poltrona di sindaco di Riccione. 

“Abbiamo individuato - spiega la candidata - una destinazione precisa per questa struttura storica della nostra città che merita e necessità di essere valorizzata. Ecco perchè saranno principalmente due gli indirizzi, entro i quali circoscrivere la nostra attività, nei settori del sociale e della cultura. Attivare e proseguire un’attività di affiancamento e vicinanza alla famiglia che non deve mai rimanere sola. Ogni bambino, ogni anziano, ogni persona bisognosa è un valore. Da qui la messa in campo di azioni concrete per sostenere ogni piccola comunità di mutuo sostegno come la scuola, la famiglia, il volontariato e l’associazionismo. Il Castello dei Bambini e delle Bambine andrà in questa direzione: favorire e creare un luogo di socializzazione, cultura e libertà di movimento con tante iniziative e servizi per i nostri bambini. Attraverso un appassionante lavoro di squadra con le famiglie ed educatori potremo rafforzare la nostra identità culturale". 

"La seconda linea d’indirizzo - conclude la Tosi - da perseguire nel riscontro avuto tra i riccionesi che hanno dimostrato una sete crescente di iniziative tra un mix di cultura e intrattenimento, sarà quella di formulare proposte di qualità in luoghi precisi della città: oltre al Castello degli Agolanti e all’Arboreto Cicchetti, anche le Ville Franceschi e Mussolini, il Nuovo Museo del Territorio, il Palariccione, il Palazzo del Turismo e la Biblioteca. Una rivoluzione del bello dove memoria storica, saperi ed iniziative pregevoli andranno a valorizzare i nostri principali luoghi culturali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento