Basta alla schiavitù del cartellino: Petitti promuove lo "smart working" per gli enti pubblici

Dotati di smartphone, un computer e una connessione i dipendenti sono in grado di lavorare fuori ufficio, conciliando meglio tempi di lavoro e vita privata"

Emma Petitti, capolista riminese del PD alle elezioni regionali: "Estendiamo lo smart working agli enti pubblici e alle aziende del territorio per essere più vicini alle esigenze dei lavoratori e diventare più produttivi"

“Sono circa 430 i dipendenti della Regione Emilia-Romagna che hanno scelto lo smart working, il cosiddetto ‘lavoro agile’, una nuova modalità di lavoro basata sulla flessibilità di orari d’ufficio e la possibilità di lavorare da casa. Tanti i plus: la maggiore facilità nel conciliare i tempi di vita con quelli lavorativi, la miglior auto-organizzazione del dipendente che riduce le dispersioni date dagli spostamenti, e di conseguenza il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni di anidride carbonica, oltre al recupero in media di 50 minuti al giorno dati dall’assenza del tragitto casa-lavoro. Minor inquinamento atmosferico, meno costi di mobilità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua la candidata: "La tendenza è incontrovertibile e parla chiaro: chi inizia a operare nell’ambito dello smart working difficilmente torna alle vecchie modalità. La Regione Emilia-Romagna è stata la prima d’Italia ad avviare questa sperimentazione, che da un paio di mesi è entrata definitivamente a regime.  Dotati di smartphone, un computer portatile e una connessione a internet i dipendenti sono in grado di lavorare fuori ufficio, conciliando così, con più facilità, i tempi di lavoro con quelli della vita privata. Un’iniziativa efficiente e veloce che, stando ai dati dei ricercatori, fa aumentare la produttività. La percezione è che con tale impostazione si stia passando a una “mentalità” più vicina a quella del professionista, libero dalla schiavitù del “cartellino”. Un’auto-organizzazione che va verso una maggiore responsabilizzazione del lavoratore e che, allo stesso tempo, viene incontro in particolare alle esigenze delle donne che spesso hanno più difficoltà a conciliare vita e lavoro. Lo smart working rappresenta un grande rinnovamento per la pubblica amministrazione per il quale la Regione Emilia-Romagna ha anche ricevuto di recente un premio dal Politecnico di Milano come miglior PA. Per tutte queste motivazioni, a mio parere, lo smart working potrebbe essere esteso agli enti pubblici del territorio per quanto riguarda le attività di back office, ma anche alle numerose aziende private, in un’ottica di avvicinamento alle esigenze del lavoratore, di maggiore produttività e risultati". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella mattinata, ragazzino perde la vita

  • Si lascia cadere nel vuoto, gesto estremo di un ragazzo

  • Col monopattino elettrico in A14, bloccato dalla polizia in autostrada

  • Stroncato da un'overdose, giovane padre di famiglia ritrovato senza vita nel garage

  • Bellaria piange la scomparsa del 13enne, proclamato il lutto cittadino

  • Ristorante riminese nel top restaurant di TripAdvisor

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento