menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rendiconto 2012, dall'Imu entrate per oltre 54 milioni

L'assessore al Bilancio Gian Luca Brasini ha presentato il rendiconto di gestione 2012. Si tratta di un atto significativo perché si tratta del primo anno di gestione "totale" di questa amministrazione

L’assessore al Bilancio Gian Luca Brasini ha presentato il rendiconto di gestione 2012. Si tratta di un atto significativo perché si tratta del primo anno di gestione “totale” di questa amministrazione, “il primo vero riscontro –spiega – rispetto agli impegni che ci eravamo presi”. Obiettivi che si possono dire raggiunti, nonostante il difficile quadro generale di partenza: i trasferimenti totali sul 2012 (tra Stato e altri enti pubblici) hanno subito un taglio di 16.299.701,79 rispetto ai trasferimenti del 2011".

"Nonostante ciò sono stati raggiunti gli obiettivi la gestione di un bilancio strutturale e virtuoso, garantendo i servizi di base, riqualificando la spesa (ne è un esempio il contratto stipulato con Enel Sole, che prevede risparmi e investimenti da parte dell’azienda) e non solo riducendola - aggiunge Brasini -. Si è lavorato per una manovra fiscale equa, si sono usati strumenti come l’internazionalizzazione dei servizi e il recupero dell’evasione fiscale. Il tutto nel rispetto del patto di stabilità, obiettivo raggiunto grazie anche al contributo della Regione a fronte di pagamenti per 34.516 euro. L’effetto negativo del patto di stabilità è stato in parte mitigato dall’utilizzo della convenzione stipulata con la Camera di Commercio e rinnovata anche per il prossimo anno e che prevede l’attivazione di linee di credito agevolate".
 
Le spese
"Altro aspetto che emerge dal rendiconto è la diminuzione della spesa corrente, che ha registrato uno scostamento di 1.383.323,15 euro - illustra Brasini -. Lo scostamento complessivo della spesa totale (compresa la spesa per il rimborso dei prestiti) tra 2012 e 2011 è di 1.183.144,77 euro. Questo a fronte di un bilancio virtuoso che contabilizza al suo interno spese quali l’emergenza neve (949.460), il trasporto pubblico locale (2.599.838) e il fondo di manutenzione ordinaria del patrimonio culturale (1.800.000)".  

L'assessore evidenzia che "il 41,34% delle risorse complessive del bilancio comunale sono state destinate per garantire i servizi di base quali welfare, pubblica istruzione e sicurezza. Nel 2012 la spesa sociale finanziata direttamente su bilancio comunale è incrementata rispetto al 2011 da 7,84 milioni di euro a 8,52 milioni. In questo modo il Comune ha supplito con risorse proprie (circa 700 mila euro) ai minori trasferimenti regionali e statali".

"Per quanto riguarda la scuola, la spesa sostenuta direttamente dal Comune per il sostegno dei bambini e ragazzi con handicap  è incrementata di circa 280 mila euro - evidenzia Brasini -. Complessivamente sul sociale il maggiore impegno finanziario del Comune è quindi quantificabile in 940 mila euro. La spending review ha riguardato anche le “piccole spese” , operando risparmi su pulizie, riscaldamento, spese postali e cancelleria. Il debito residuo al 1° gennaio 2011 risultava di 146.061.028 euro, mentre al 1° gennaio 2013 è di 121.147.310 euro".

Le entrate
"E’ stato confermato il gettito Imu in base alle nostre stime pari a 54.818.056 euro - evidenzia Brasini -. Rimane ancora una differenza rispetto alle stime del Ministero dell'Economia e delle Finanze di 1.800.000 euro per la quale è stato creato un fondo a copertura (il bilancio di previsione 2012 è stato approvato con un differenziale di circa 15 milioni). L’internalizzazione della gestione parcheggi ha portato un gettito pari a 2.737.403,66 euro, l’imposta di soggiorno (applicata dal 1° ottobre) 570 mila euro, mentre il recupero dell’evasione tributaria ha consentito in ricavare 1.768.196,92 euro (circa 500 mila euro in più rispetto al 2011)".
 
Il risultato di gestione
"Il risultato della gestione di competenza 2012 è pari a 128.124,22 euro a testimonianza di quanto la manovra fiscale dell’Ente sia stata tarata nella maniera più precisa possibile sul reale fabbisogno della struttura per l’erogazione dei servizi ai cittadini - aggiunge l'assessore -. La gestione residui registra un risultato pari a 7.199.653,63 euro che deriva principalmente dalla cancellazione di impegni di spese bloccati dal patto di stabilità. La scelta dell’Amministrazione è stata quella di destinare queste risorse, inutilizzabili a causa del patto, ad una nuova operazione di estinzione anticipata di mutui per il 2013".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento