Raffaella Sensoli (M5S) all'attacco di AiRiminum sulla querelle coi taxisti

La capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle entra nella battaglia dei taxi, "Pensino a portare turisti a Rimini"

“Invece che concentrarsi su come portare più turisti a Rimini dall’estero, Airiminum sta dando vita a una guerra con i taxi sulla gestione degli spostamenti degli stessi turisti in città. Una strategia francamente incomprensibile. Per questo abbiamo chiesto un’audizione di Airiminum, dei tassisti e dei rappresentanti degli enti locali in Commissione trasporti per parlare di questo tema”. È questo il commento di Raffaella Sensoli, capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, riguardo alla decisione di Airiminum di puntare sul trasporto dei passeggeri, per e da l’aeroporto, scatenando così l’ira dei tassisti. “Mentre Airiminum – spiega Raffaella Sensoli - arranca nella ricerca di compagnie, voli e viaggiatori, mentre scompaiono gli aerei della Air Berlin dalla Germania e chiudono gli uffici in aeroporto del consolato russo che doveva essere la terra promessa della nuova gestione, si scatena la guerra per gestire il traffico dei turisti, che per ora non ci sono, verso la città, prendendo di mira i tassisti ai quali ha imposto, nel caso di trasporto di passeggeri al Fellini, un pagamento di 5 euro, cui se ne aggiungeranno altrettanti se ripartono trasportando altri clienti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E se non va bene ecco pronto il servizio di navette shuttle alternativo, così da eliminare larga parte del mercato di riferimento dei tassisti locali e dare una mazzata ulteriore alle piccole imprese individuali o cooperative del nostro territorio. Invece che creare si distrugge, mentre continuano le promesse di un rilancio che non c’è. L’approccio della società che gestisce al momento l’aeroporto è di padronale ed utilizza un’opportunità che le è stata concessa (dall’ENAC, ente nazionale, e con l’apprezzamento della Giunta Gnassi) per fare pagare agli operatori locali e anche ai viaggiatori, riminesi compresi, una gabella in più. Noi pensiamo che sia necessario assicurare un servizio efficiente, veloce ed il più possibile concorrenziale, ma soprattutto che ognuno debba fare la sua parte. E quella di chi gestisce l’aeroporto sarebbe quello di portare i turisti a Rimini dell’estero e non di preoccuparsi di come guadagnare con la corsa in auto per il mare. Per questo motivo – conclude Raffaella Sensoli - abbiamo chiesto alla Commissione trasporti della Regione un’audizione di Airiminum, dei tassisti e degli Enti Locali riminesi. Per parlare dei taxi, ma anche dei voli che per adesso, una società che gestisce in concessione l’aeroporto di tutti, non sta trovando”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento