RiminiPeople: "controlli antidroga a scuola incutono paura e panico tra gli studenti"

La lista che ha come candidato a sindaco di Rimini Mara Marani condanna l'operazione dei carabinieri allo Scientifico "Serpieri"

Presa di posizione da parte di Rimini People, la lista che ha come candidato a sindaco di Rimini l'ex dirigente scolastico Mara Marani, contro i controlli con i cani antidroga effettuati dai carabinieri al Liceo Scientifico "Serpieri" di Viserba. In una nota stampa, infatti, sotto accusa il blitz "che ha interrotto il regolare svolgersi delle lezioni e che ha il chiaro intento di incutere paura e panico tra gli studenti". "A Rimini - prosegue il comunicato - il tema del consumo di sostanze psicotrope, che assume sempre più spesso le forme del policonsumo e dell'abuso a causa dell'assenza di informazione e consapevolezza, non è nuovo. I tagli alle politiche di riduzione del danno sono evidenti nella nostra città. E' da alcuni anni che ogni estate sentiamo di ragazzi che perdono la vita sotto l'effetto delle sostanze durante i grandi eventi estivi patrocinati e sostenuti economicamente dal Comune di Rimini, dalla Molo Street Parade passando alla Notte Rosa, o nei club della Riviera conosciuti in tutto il mondo. Morti, come Lamberto al Cocoricò, che non sono riuscite a fermare lo “show” estivo o la macchina repressiva tale da indurre una riflessione sul fallimento delle politiche proibizioniste. Ma questa non è solo una questione legata al consumo di sostanze, qui non si tratta solo della morale se sia lecito utilizzare o meno le sostanze. Questa è anche e soprattutto una questione educativa, di come si fa prevenzione e riduzione del danno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sotto accusa il preside del Liceo "Serpieri" e il Prefetto che, secondo Rimini People, "con l'azione di oggi ci dicono che l’educazione non si fa nelle scuole, non è compito degli insegnanti, degli educatori dei peer-educator ma si delega tutto alla polizia. Così le scuole si trasformano in istituzione totali, sotto il controllo di un’autorità esterna che reprime e punisce, creando stigma sociale e isolamento fra i nostri studenti. L’esatto contrario di quello che andrebeb fatto per tutelare la salute, la gioia e la vita del nostro bene più presizioso, le generazioni future. Per questi motivi come lista civica “Rimini People-Prima le Persone” saremo presenti mercoledì 4 maggio alle ore 14.00 all'assemblea pubblica promossa dal Collettivo Studenti Rimini presso l'anfiteatro del Liceo Serpieri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento