Sacchetti lancia un appello ai sindaci: "Chiediamo alle istituzioni di rimanere unite"

Il segretario provinciale del Pd: "Solo così riusciremo a contrastare il ritorno dei contagi da Coronavirus"

Il segretario provinciale del Partito Democratico, Filippo Sacchetti, lancia un appello ai sindaci del territorio: “chiediamo alle istituzioni del territorio di restare unite e coese come nella prima fase dell’emergenza, solo così riusciremo a contrastare il ritorno dei contagi da Coronavirus. Grande sostegno al governo, ma sullo sport si deve fare di più e quanto accaduto deve far finalmente sanare la ferita del professionismo femminile”. “Sono giorni tesi, con una preoccupazione di ritorno che ancora una volta proveremo a gestire nel modo migliore come sistema territoriale riminese: dovremo essere lucidi, coesi e pronti a reagire all'evoluzione della seconda ondata della pandemia Covid come lo siamo stati nell’emergenza!. Il segretario provinciale del Partito Democratico Filippo Sacchetti è costantemente in contatto con i referenti delle varie aree della provincia e segue ogni evoluzione in prima persona.

"Ripartiamo da quanto di buono siamo riusciti a mettere in campo: dalla gestione sanitaria della prima fase e dalla tenuta amministrativa delle procedure e delle regole da parte delle amministrazioni locali. Provincia e Comuni in primis. Canalizziamo quindi i nostri sforzi nell’investire i 25 milioni di euro extra ricevuti da Regione e governo e arrivati a Rimini dai riconoscimenti di zona rossa: non erano scontati, né previsti da nessuna parte, se li sono conquistati i nostri sindaci con un lavoro di squadra e di competenza sulla ricognizione dei bisogni e la proposta dei progetti” prosegue Sacchetti, entrando nel vivo: «Ora comincia il secondo round. Chiediamo alle istituzioni del territorio di affrontarlo con la stessa determinazione e coesione della prima. Alle forze politiche proponiamo un confronto largo, senza divisioni e spaccature interne. Noi per primi, come Partito Democratico, siamo a sostegno del governo e delle tante politiche di tenuta e rilancio che sta mettendo in campo, ma allo stesso tempo non risparmiamo osservazioni quando necessarie. Come quelle dei sindaci sulla gestione e competenza del "coprifuoco" di strade e piazze, anche noi da parte nostra, sentiamo di sottolineare con forza il bisogno, raccolto da più parti, di non abbandonare lo sport e i praticanti di ogni età: la salute, è sacrosanto, viene prima di tutto, ma l’attività fisica e motoria hanno una funzione fondamentale nella salute collettiva e nella crescita delle nuove generazioni.  Lo sport va reso possibile, con protocolli magari ancor più stringenti ma che non comportino uno stop totale. E se proprio non si ritengono opportune le competizioni, è vitale riuscire a garantire gli allenamenti per tutti e non solo per i professionisti”.

Da qui la chiosa del segretario. “La pratica sportiva porta benessere psicofisico e alimenta il confronto sociale, possiamo equipararla ai beni essenziali e oggi è in una nebulosa, con un ulteriore elemento di riflessione: le norme che colpiscono al cuore i dilettanti alimentano un’ulteriore discriminazione visto che una grandissima parte delle donne che fa sport di squadra e di contatto rischia di doversi fermare perché non esiste il professionismo femminile. E’ l’ennesima dimostrazione di quanto sia necessario ricucire questa ferita”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento