menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sadegholvaad: "A un anno dal primo lockdown la situazione non sembra essere cambiata"

"C’è ancora chi non si vergogna a dire e a scrivere che il Covid 'è poco più di una influenza'"

"Non ci sarà più una zona rossa, non ci saranno più zona uno e zona due, ma un’Italia in zona protetta. Saranno da evitare gli spostamenti salvo per tre ragioni: comprovate questioni di lavoro, casi di necessità e motivi di salute. Con questa frase l’allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte annunciava, il 9 marzo 2020, la firma di un decreto che avrebbe segnato la storia della nostra nazione. Dal mattino dopo, infatti, l’Italia intera sarebbe stata in lockdown in risposta all’emergenza causata dall’imperversare della pandemia da Covid-19. Lockdown: un termine che oggi è di uso comune e che conosciamo tutti, ma in quel 9 marzo 2020 non venne nemmeno pronunciato. Si parlava solo di “zona rossa” o di “quarantena”, il concetto stesso di lockdown non esisteva ancora nella nostra esperienza. A tirare il bilancio è l'assessore Jamil Sadegholvaad, che si è proposto come candidato a sindaco di Rimini per le future primarie Pd, tuttavia rifiutate dai vertici del partito.  "Un anno dopo - ha commentato- la situazione non sembra essere cambiata più di tanto: la Romagna, come altre zone d’Italia, è in zona rossa, e la trasmissione del virus non si ferma. Ripensare agli ultimi 12 mesi vuol dire ricordare chi non c’è più, il sacrificio di una intera generazione, la più anziana, che ci ha lasciato: nel 2020 a Rimini i decessi sono stati 355 in più rispetto alla media dei quattro anni precedenti".

"Eppure - ricorda Sadegholvaad - c’è ancora chi non si vergogna a dire e a scrivere che il Covid “è poco più di una influenza”. In un anno sono stati 26.153 i contagi ufficiali nella provincia di Rimini, e anche ieri abbiamo superato la soglia dei 300. Il 7,7% della popolazione residente nel territorio riminese è risultato positivo al tampone nell’ultimo anno. Questi sono i numeri, che però non si fermano. Cosa ha significato per Rimini vivere nella pandemia? Ho voluto mettere in fila, random, alcune immagini che mi hanno colpito negli ultimi 12 mesi. Un po’ alla rinfusa: c’è la paura, la disperazione, la piazza deserta del 25 aprile, il lockdown, la ripresa estiva con le novità degli open space, il parco del mare e il Part, la sala degli abbracci. Queste immagini non hanno nessuna pretesa se non quella di essere dei flash personali di un anno vissuto pericolosamente. Siamo stati di fatto due volte zona rossa, non ci siamo arresi, siamo ripartiti, poi ancora in ginocchio. Con il rammarico enorme, gigantesco, della chiusura delle scuole, vera e propria emergenza nazionale mai adeguatamente affrontata".

"Non ho mai accettato la narrazione di un popolo indisciplinato alle regole - conclude l'assessore - salvo una piccola minoranza di persone. Gli stessi riminesi nella loro stragrande maggioranza hanno dato dimostrazione di grande responsabilità e tenacia in questi 12 mesi difficilissimi. Siamo allo stesso punto di un anno fa? No. Adesso abbiamo una speranza, i vaccini, che il 9 marzo 2020 neanche ci sognavamo. Dobbiamo fare in fretta, nei prossimi 100 giorni ci giochiamo, soprattutto come territorio riminese, la possibilità di una ripresa che possa già comprendere questa stagione. Fare in fretta i vaccini. E programmare il futuro. Ripeto, programmare il futuro. Anche a livello regionale e territoriale occorre che la rete sanitaria e ospedaliera tenga conto concretamente di scenari pandemici improvvisi. Cosa ci vuole allora? Flessibilità. Studiare e realizzare moduli sanitari che, rapidamente, in caso di situazioni simili siano rapidamente disponibili a ospitare reparti intensivi e hub vaccinatori. Dire questo non deve essere più un tabù. Per le città significa “demetropolizzarsi”, ovvero non concentrare più i servizi al centro ma riportarli in ogni angolo del territorio. Per l’economia significa principalmente dare la possibilità di ripartire e di sprigionare energia senza che la burocrazia ancora una volta spenga voglia e speranze. La macchina pubblica ha ormai poco, pochissimo tempo per ripensarsi e farsi trovare all’altezza delle sfide. Ma lo deve fare e deve trovare il coraggio con cui i riminesi, ad esempio, non si sono arresi durante il peggiore anno della nostra vita. Coraggio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rimini sotterranea tra misteri e curiosità

Attualità

Simona Ventura fa tappa anche in un famoso locale della Valmarecchia

Attualità

Ciak in Romagna, avanti con i casting per il film "Le proprietà dei metalli"

Auto e moto

Cambio gomme: scatta l'obbligo di montare le estive


Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Speciale

    In fila alla cassa o sdraiati sul divano?

  • Cronaca

    Un videogame ambientato a Rimini coi personaggi della città

  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento