Monito di Gnassi: "Il decreto "Sblocca Italia" non sia "Tana libera tutti""

"Lo ‘Sblocca Italia’ è fatto da tante cose buone, e non si lo si può rovinare con inserimenti che più che alla logica paiono rispondere ai desiderata di precise ‘lobby’, magari anche locali", afferma il sindaco

Il decreto "Sblocca Italia" non sia "Tana libera tutti". Il monito è lanciato dal sindaco di Rimini, Andrea Gnassi. “Per anni - esordisce il primo cittadino del capoluogo rivierasco - la Regione e i Comuni costieri, in un rapporto costruttivo e di merito con imprese ricettive e albergatori, hanno investito e lavorato su programmi di riqualificazione del settore ricettivo che avevano, in buona sostanza, un preciso obiettivo: potenziare la natura e la mission turistica di un sistema complessivo, evitando le trappole della speculazione immobiliare ammantate magari da misure ‘di contrasto al potenziale degrado’. Mai a livello nazionale ciò che veniva e viene territorio e imprese è stato recepito".

Per Gnassi "fa un errore strategico enorme chi pensa che il futuro di un territorio come il nostro passi da quelle che, al di là delle formule e delle denominazioni, possono essere a tutti gli effetti riconversioni in ‘condomini’ o in strutture standardizzate degli alberghi tradizionali. Per il nostro contesto, per quelle che sono le nostre caratteristiche, una misura del genere porterebbe con sé un enorme rischio speculativo: spero di sbagliarmi, ma non ne sarei così sicuro. Questo per rimarcare la delicatezza del dibattito parlamentare in corso sullo ‘Sblocca Italia’. Il testo licenziato dalle commissioni parlamentari prima del passaggio in aula contiene ancora articoli che introducono la possibilità di variare la destinazione d’uso delle strutture ricettive in residenziale, in particolare promuovendo la formula dei cosiddetti ‘condhotel’, strutture ricettive che uniscono il servizio degli alberghi alla tipologia degli alloggi residenziali".

"E’ un passaggio spinoso - chiosa il primo cittadino - perché tutti i nostri programmi in essere sulla riqualificazione della zona turistica si incardinano sulla necessità di mantenere impresa e non residenziale, un’impresa che però deve contare su norme e incentivi per la riqualificazione. La possibilità di legge di cambiare destinazione d’uso, anche parziale, agli alberghi, se non adeguatamente analizzata nel suo impatto, potrebbe avere effetti negativi a catena, fino a mettere in discussione questo caposaldo. Certo, chi conosce i mercati, i trend, le evoluzioni sa che la formula dei condhotel è da valutare. Ad oggi si sono è affermata in alcuni contesti metropolitani per dare ospitalità a chi vi lavora dal lunedì al venerdì. Nel contesto riminese a cosa e a chi servirebbe una formula del genere?".

"Ma un provvedimento calato dall’alto, così come scaturito dalle commissioni parlamentari, potrebbe rivelarsi un colpo durissimo per il nostro turismo, con il risultato di determinare una perdita di imprese. Perché non valutare tali misure nell’ambito dei progetti più ampi di riqualificazione urbana? - si chiede Gnassi -. Che fine hanno fatto gli impegni, più volte espressi negli ultimi 10 anni, di agevolare il passaggio dall’affitto alla proprietà delle strutture ricettive, magari prevedendo defiscalizzazioni sulla vendita, precondizione per un nuovo impulso ai necessari investimenti? Che fine ha fatto la stessa proposta, avanzata dalla Riviera romagnola, di potere avere sostegno normativo per accorpare più alberghi, liberando anche spazi per servizi utilizzabili dalle strutture ricettive stesse? La politica industriale che serve a un settore strategico si riduce tutta a un favore alle lobby?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conclude il sindaco di Rimini: "Lo ‘Sblocca Italia’ è fatto da tante cose buone, e non si lo si può rovinare con inserimenti che più che alla logica paiono rispondere ai desiderata di precise ‘lobby’, magari anche locali. Attenzione a queste pressioni che non hanno certo come priorità il rilancio del comparto ricettivo, ma il proprio interesse. Facciamo allora che si chiami ‘Sblocca Italia e non ‘Tana libera tutti”".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento